Caso Cucchi, chi è Francesco Tedesco, il carabiniere che accusa due colleghi del pestaggio

Caso Cucchi, chi è Francesco Tedesco, il carabiniere che accusa due colleghi del pestaggio
Lui si chiama Francesco Tedesco ed è il carabiniere che con ogni probabilità passerà alla storia del processo per la morte di Stefano Cucchi per aver finalmente tolto un velo sulle bugie e sulle omissioni degli ultimi nove anni. Originario di Brindisi, all’epoca del pestaggio e della conseguente morte di Cucchi (per cui accusa due suoi colleghi) era vice-brigadiere dell’Arma in servizio nella stazione Appia.

La svolta: carabiniere accusa due colleghi. Ilaria: «Il muro è stato abbattuto»

Nel processo bis è finito sotto accusa insieme ad altri quattro colleghi: D’Alessandro e Di Bernardo (indicati come autori materiali del pestaggio), Mandolini e Nicolardi. Ma di lui si era parlato già un paio di anni fa, dopo che Ilaria Cucchi postò una sua foto in costume da bagno: «Volevo farmi del male - scrisse la sorella di Stefano su Facebook - volevo vedere le facce di coloro che si sono vantati di aver pestato mio fratello, coloro che si sono divertiti a farlo. Di coloro che lo hanno ucciso». Sotto quel post decine di persone insultarono e minacciarono di morte il carabiniere.



Tedesco sporse denuncia in procura nell’aprile 2016 e in quel processo è stato ammesso come parte civile: molti messaggi e commenti al post erano minacce a lui e alla sua famiglia. I suoi legali chiesero oltre 500mila euro di danni ai 31 utenti che avevano scritto insulti e minacce: oggi, a nove anni dalla morte di Cucchi, viene fuori che Tedesco non aveva picchiato Cucchi, ma lo aveva anzi difeso. Almeno stando al suo racconto, che il processo verificherà.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 11 Ottobre 2018, 14:58 - Ultimo aggiornamento: 11-10-2018 16:11

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO


PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

0 di 0 commenti presenti