Pesaro, mendicanti e parcheggiatori: già 128 le multe in soli dieci mesi

PESARO - Controllo del territorio e vigilanza su vivibilità e decoro urbano. L’ordinanza anti accattonaggio ha dato risultati significativi. Il punto lo fa, con l’analisi dei dati, il comandante della polizia municipale Gianni Galdenzi. «L’impegno del comando sulle tematiche della sicurezza urbana – spiega Galdenzi – è costante. Centrali sono state nei mesi scorsi tutte quelle misure che abbiamo adottato, dopo l’approvazione del decreto Minniti sulla sicurezza urbana nell’aprile scorso. Si conferma in questi mesi un aumento dei casi trattati nella lotta a parcheggiatori e venditori abusivi, accattoni e degrado, colpendo anche coloro che abusano di alcol nei parchi e nelle zone limitrofe alla stazione». Nei primi nove mesi dell’anno, da gennaio a settembre, sono stati 128 i verbali per l’accattonaggio emessi nell’ambito del contrasto al degrado cittadino. Un numero soddisfacente per il comandante Galdenzi se si considera che con la modifica al regolamento di polizia locale si possono adottare provvedimenti più incisivi, normati dal regolamento stesso Sul dato generale del numero di accattoni controllati e sanzionati, sono stati emessi 5 provvedimenti di allontanamento, sulla base della legge sicurezza urbana. Allontanamenti, che non riguardano tutte le tipologie di accattoni ma solo alcune fattispecie. La sanzione amministrativa per gli accattoni va da un minimo di 50 a un massimo di 500 euro ma i casi di pagamento delle multe sono pressoché inesistenti. 

Leggi l'articolo completo su Corriere Adriatico.it
Outbrain