Barista rapinato e ferito a morte
Bodyguard condannato a 28 anni

Barista rapinato e ferito
a morte: bodyguard
condannato a 28 anni
FILOTTRANO - Rischiava l’ergastolo, come chiesto dal pm, se l’è “cavata” con 28 anni di reclusione. È questa la pena che la Corte d’Assise ha inflitto al bodyguard falconarese Alex Lombardi, il 42enne accusato di aver rapinato e ferito a morte Sauro Valentini, titolare del bar alimentari Bianca di Imbrecciata di Filottrano, spirato in ospedale sette mesi dopo la sparatoria del 19 maggio 2011. La sentenza è arrivata ieri mattina, dopo circa tre ore di camera di consiglio. Assente, già condannato in primo grado all’ergastolo per l’uccisione di due marocchini, avvenuta una settimana dopo la rapina al bar filottranese. I giudici hanno anche riconosciuto una provvisionale di 140 mila euro ai familiari della vittima, parti civili tramite gli avvocati Giorgio Rossetti e Tarcisio Giampieri.

Rammarico per la difesa, rappresentata dal legale Fabrizio Belfiore: «Speravamo nell’assoluzione. Evidentemente, il collegio non ha ritenuto prendere in considerazione i dubbi espressi sull’intera vicenda», ha detto al termine dell’udienza. Le motivazioni si potranno leggere tra 60 giorni. Poi, di sicuro, ci sarà il ricorso in appello, come per la sentenza d’ergastolo emessa a marzo dai giudici maceratesi. Per questo processo Lombardi ha dovuto difendersi dall’accusa di omicidio volontario, commesso ai danni di Valentini, il 47enne gambizzato durante l’assalto al locale e morto nel dicembre 2011 a causa – secondo la magistratura – delle complicazioni legate alle ferite d’arma da fuoco riportate.

Lo scenario: una rapina finita male, commessa con la pistola - Walther calibro 9x21 – di proprietà dello stesso bodyguard, spostato nel carcere di Marino del Tronto dopo l’inagibilità di Camerino dovuta al sisma. In una precedente udienza, era stato un avventore del bar, presente durante l’assalto del rapinatore a cercare di ricostruire i fatti. Il blitz del criminale all’interno del bar era avvenuto attorno alle 20. «Una persona robusta, molto alta, con il cappuccio calato in viso ha prima esploso un colpo intimidatorio, poi ci ha chiuso in una stanza», aveva detto davanti alla Corte. Dopo quel frangente, il rapinatore avrebbe iniziato a spintonare Valentini per ottenere l’incasso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 18 Luglio 2017, 06:04 - Ultimo aggiornamento: 18-07-2017 06:04

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO