Viaggiare a Bruges: quattro itinerari a piedi e una nuova guida

Viaggiare a Bruges: quattro itinerari a piedi e una nuova guida
Viaggiare a Bruges: quattro itinerari a piedi e una nuova guida
di Francesca Spano'
4 Minuti di Lettura
Sabato 26 Novembre 2022, 07:30 - Ultimo aggiornamento: 07:31

La bellezza di Bruges, in Belgio, è sempre stata nota ben oltre i confini nazionali e il modo migliore per apprezzarne gli scorci famosi e quelli più nascosti, resta quello di scoprirla a piedi. Esplorarla con una lunga passeggiata, seguendo dei percorsi ad hoc, ne regala infatti un’idea di insieme, tra musei, chiese, parchi e palazzi che sono distanti tra loro pochi metri.

Non solo un giro senza meta

Al piacere di lasciarsi stupire da questo luogo, si affianca la voglia di approfondirne gli aspetti che più incontrano le proprie esigenze. Ecco perché Visit Bruges propone una guida con quattro itinerari a piedi di 4/5 chilometri, in grado di collegare le attrazioni iconiche della città, con qualche piacevole alternativa. La rosa di proposte è varia e va dal classico ‘I luoghi da non perdere: straordinario patrimonio dell’umanità’ a ‘Lusso e splendore: l’opulenza borgognona’. C’è poi, per chi cerca atmosfere più lente e romantiche, il giro ‘Un po’ di relax: silenziosa nostalgia’; per concludere con ‘Sorprendente modernità: highlight contemporanei’. Il filo rosso che li collega tutti è lo stupore, evidenziato dallo slogan: “Oooh! Bruges!”. La guida “Oooh! Bruges“ è in vendita anche in lingua italiana presso gli uffici del turismo di Bruges al costo di 3,50€.(https://www.visitbruges.be/en/walking-guide-oooh).

Nello specifico:

"Amazing World Heritage" porta il visitatore nelle migliori location in assoluto.
"Lo splendore della Borgogna" si concentra sul periodo di massimo splendore della città nel XV secolo.

"Silent Nostalgia" permette di immergersi nell'atmosfera silenziosa di monumenti nascosti, passaggi accoglienti e vegetazione intima.
E selezionando 'Contemporary Hotspot' si potrà guardare la città in un modo diverso.

 

Un giorno al museo: Van der Goes in mostra al Sint-Janshospitaal

Nel primo itinerario, tra le tante idee c’è anche quella del giro al Sint-Janshospitaal l’antico Ospedale di San Giovanni, oggi museo dedicato a Hans Memling. Qui, fino al 5 febbraio 2023 va in scena la mostra Face to face with death, dedicata a Hugo van der Goes (1430-40 – 1482), che insieme a Jan van Eyck e Hans Memling fu uno dei più grandi Primitivi Fiamminghi. Grande protagonista dell’esposizione, sarà il suo capolavoro, ‘La morte della Vergine Maria’ (1470 ca), fresco di restauro quinquennale e per la prima volta di nuovo esposto al pubblico. L’installazione comprende sei temi e accosta La morte della vergine ad altri capolavori di artisti quali ans Memling, Jan Provoost e Albrecht Bouts, oltre a sculture, manoscritti e brani musicali, per un totale di 70 opere d’arte. In più, sono stati invitati a introdurre il tema  con dei videomessaggi 5 Cinque “nuovi maestri” tra cui l’artista Berlinde De Bruyckere. Ognuno racconterà un aspetto diverso della mostra.

Arriva Natale

In vista delle festività natalizie, è stata inaugurata la nuova edizione di Winterglow, il percorso di installazioni luminose distribuite in vari angoli della città medievale. Si tratta di otto attrazioni, che vanno tenute d’occhio insieme alla pista di pattinaggio sul Minnewater (Lago dell’amore) e il winter bar.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA