Verso la città con il nome più corto del mondo: il viaggio di Marco e Mariagiulia

Marco Secchi e Mariagiulia, gli Out of Place in viaggio da Milano alle Lofoten a bordo di una Panda
Marco Secchi e Mariagiulia, gli Out of Place in viaggio da Milano alle Lofoten a bordo di una Panda
di Caterina Carpanè
3 Minuti di Lettura
Lunedì 1 Agosto 2022, 10:33 - Ultimo aggiornamento: 10:58

Una vecchia Panda che si atteggia da star, due fidanzati che lavorano dietro le quinte della tv e il desiderio di attraversare luoghi insoliti e inesplorati: “Panda Nara The North Way” è l’avventura di Mariagiulia Bertucci e Marco Secchi, gli “Out of Place” che da Milano si stanno dirigendo ad Ä, il paesino delle isole Lofoten (Norvegia) con il nome più corto del mondo a bordo in un «pandino di 19 anni e 70 mila chilometri».

E di chilometri ne macinerà molti altri Panda Nara, così chiamata per ricordare «una donna forte e indipendente che si sente un po' diva come Wanda, moglie dell’ex attaccante dell’Inter Mauro Icardi di cui Marco è tifoso», rivela Mariagiulia. Svizzera, Liechtenstein, Germania, Danimarca, Norvegia, Svezia e ritorno in due settimane: questo l'itinerario, sempre all’insegna di mete insolite, luoghi inesplorati, attività nella natura e campeggio.

Viaggio avventuroso nel nord Europa

D’altronde non poteva essere diversa la filosofia degli Out of Place, letteralmente fuori luogo: «Quando tre anni fa abbiamo iniziato a immaginare un viaggio di questo tipo, ci siamo resi conto che non avevamo nessuna esperienza di motori, non sapevamo nulla di meccanica, abbiamo poca manualità. “Out of Place” ben rappresenta l'essenza di un viaggio del genere, ma anche lo spirito con cui lo affrontiamo», spiegano i due fidanzati che covano un sogno: partecipare al Mongol Rally, la gara benefica non competitiva che dall’Europa giunge fino in Siberia. «Prima la pandemia e poi la Guerra hanno fermato quel progetto, ma abbiamo scelto di non abbandonare l’idea di un’avventura su quattro ruote, avventura che potesse nello stesso tempo fare del bene»: proprio per questo Marco e Mariagiulia hanno organizzato una raccolta fondi online in favore di Emmaland, associazione di Novara che sostiene le famiglie di bambini ricoverati in ospedale per malattie oncoematologiche, con il desiderio di raccogliere un euro per ogni km del percorso. 

Le emissioni? In cambio 4 alberi...

A contribuire al viaggio benefico anche i meccanici dell’officina Daropa di Medesano, paese della provincia di Parma dove è cresciuta Mariagiulia: «Hanno reso l’auto più sicura e quasi abitabile: il retro della Panda ha un pianale a cassettoni che in caso di emergenza può trasformarsi in letto. Con noi abbiamo tutto il necessario per il campeggio, dal fornelletto elettrico a una piccola lavatrice manuale. Già alla prima tappa in Germania abbiamo avuto qualche problema con il montaggio della tenda, ma siamo certi che miglioreremo!», scherzano gli Out of Place. Amanti della natura, Mariagiulia e Marco non hanno dimenticato l’impatto ambientale della loro vacanza: per compensare le emissioni di CO2ndel veicolo un po’ datato, hanno acquistato, attraverso la piattaforma Treedom, quattro alberi a dimora in Colombia e Guatemala. Chissà che un giorno Panda Nara non passi a visitarli. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA