Ciao Darwin, il cugino del concorrente che rischia la paralisi: «Se non avessi denunciato, avrebbero taciuto»

Sabato 27 Aprile 2019

«Bisognava fermare il gioco, c'erano stati altri incidenti. Se non avessi alzato un polverone avrebbero taciuto». E' bufera sul programma Ciao Darwin dopo che, nelle scorse settimane, durante lo show condotto da Paolo Bonolis, uno dei partecipanti è caduto ed è finito in ospedale e ora rischia la paralisi. «Il comunicato di Canale 5 e della produzione del programma sull'incidente è arrivato troppo tardi e bastava esprimere vicinanza alla famiglia». Lo afferma all'Adnkronos Stefano Ambrosetti, cugino del 54enne concorrente del programma in onda sulla rete di Mediaset che rischia di rimanere paralizzato dopo la caduta sui rulli del Genodrome durante la registrazione di una puntata, spiegando che non gli è proprio piaciuto il passaggio in cui si sottolinea che è stata attivata la polizza assicurativa: «Da cugino mi sembra una presa in giro».

Ciao Darwin, aperta l’inchiesta: sotto sequestro i rulli del gioco

Ciao Darwin & Co, l’inarrestabile deriva della tv cerca-spazzatura

«Io la settimana prima ero andato come concorrente di riserva alla registrazione della puntata 'Juve contro tuttì e non dicevano che il gioco era pericoloso», ha riferito il cugino del 54enne ferito.
Le condizioni del 54enne romano «sono sempre uguali», afferma il cugino. «Bisogna aspettare, è cosciente, ma dal collo in giù è bloccato - ha concluso - Sembrava ci fossero leggeri segnali ma nulla di più».

Intanto dopo l’incidente e le polemiche, arriva l’inchiesta della Procura di Roma. I rulli di Genodrome, una delle prove più famose che i concorrenti devono affrontare durante le puntate di “Ciao Darwin”, finiscono sotto sequestro. Il procuratore aggiunto Nunzia D’Elia ha infatti aperto un fascicolo per lesioni colpose. Gabriele Marchetti, 54 anni, ricoverato nel reparto di terapia intensiva del policlinico Umberto I, rischia di rimanere paralizzato. È precipitato dai rulli giganti durante la registrazione del 17 aprile e i familiari hanno presentato un esposto in procura. E nei giorni scorsi è montata la polemica sul web dopo che sono state diffuse le chat dei concorrenti tenuti all’oscuro della gravità dell’incidente.
 

Ultimo aggiornamento: 28 Aprile, 09:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA