C'è vita su Encelado? Webb scopre enorme pennacchio di vapore acqueo sulla luna di Saturno

Futura missione della Nasa diretta sul pianeta? Aumenta l'interesse

C'è vita su Encelado? Webb scopre un enorme pennacchio di vapore acqueo su uno dei satelliti di Saturno
C'è vita su Encelado? Webb scopre un enorme pennacchio di vapore acqueo su uno dei satelliti di Saturno
3 Minuti di Lettura
Lunedì 22 Maggio 2023, 15:43 - Ultimo aggiornamento: 19:20

Il più grande pennacchio di vapore mai osservato prima. Lo ha immortalato il telescopio spaziale James Webb. Ma dove? Su Encelado, una delle lune di Saturno che sotto la sua superficie ghiacciata nasconde un oceano salato in cui potrebbero essere presenti gli ingredienti base per la vita.

Questo pennacchio di acqua «è immenso», ha affermato l'astronoma fiorentina Sara Faggi che lavora al Goddard Space Flight Center della Nasa. Lo ha detto a una conferenza presso lo Space Telescope Science Institute di Baltimore, senza aggiungere ulteriori dettagli che saranno al centro di una prossima pubblicazione scientifica.

Scoperte 6 galassie grazie al telescopio Webb della Nasa. «Sono così antiche che non dovrebbero esistere»

Nettuno come Saturno, il telescopio Webb mostra gli anelli (mai così nitidi) del "gigante di ghiaccio"

Nasa, il telescopio Webb svela la "Galassia Ruota di Carro"

Cosa emerge dalle analisi del telescopio Webb

Secondo quanto riporta il sito di Nature, il telescopio Webb avrebbe anche analizzato lo spettro della luce solare riflessa da Encelado trovando tracce di molte sostanze chimiche, inclusa l'acqua e altri possibili composti che potrebbero suggerire attività geologica o biologica nell'oceano della luna.

«Abbiamo molte altre sorprese», ha aggiunto Faggi. Nel 2005 la sonda Cassini della Nasa aveva scoperto particelle ghiacciate che dall'oceano nascosto di Encelado schizzavano attraverso le crepe della superficie della luna.

Il telescopio Webb mostra invece che il materiale si diffonde molto più lontano di quanto pensato finora.

Encelado entusiasma gli astrobiologi perché è uno dei pochi "mondi oceanici" del Sistema solare, dunque è uno dei posti migliori in cui cercare forme di vita.

Spazio, il lancio del James Webb Telescope

James Webb, nello spazio il telescopio che studierà le origini dell'universo

Il suo oceano salato potrebbe infatti ospitare organismi viventi sostenuti dall'energia chimica proveniente dalle bocche idrotermali sul fondo dell'oceano. Quest'ultima scoperta del telescopio Webb aumenta l'interesse per una futura missione della Nasa diretta su Encelado.

Tra le proposte allo studio c'è anche lo sviluppo di un robot autonomo a forma di serpente che potrebbe insinuarsi sotto il ghiaccio di Encelado per esplorarne l'oceano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA