Niente acqua? Arriva il condensatore portatile dei marines Usa

Niente acqua? Arriva il condensatore portatile dei marines Usa
di Anna Guaita
5 Minuti di Lettura
Mercoledì 18 Gennaio 2023, 15:21 - Ultimo aggiornamento: 19 Gennaio, 15:45

Napoleone usava dire che un esercito marcia sullo stomaco. Se non mangia, non combatte. Ma un esercito non può marciare affatto se non ha acqua.

Nelle Forze Armate Usa, dislocate in ogni angolo del mondo, il problema dell’alimentazione è stato risolto con i “Meals Ready to Eat” (MRE, i pasti pronti portatili e leggeri), ma la disponibilità di acqua potabile è rimasta finora un problema logistico particolarmente ostico. E sono stati i Marines, il Corpo al quale al fronte sono affidate le missioni avanzate, che hanno trovato una soluzione. Negli ultimi due decenni di guerra quasi continua, nei deserti dell’Iraq e della Siria e nelle montagne dell’Afghanistan, il Corpo dei Marines ha constatato sulla propria pelle quanto complicati e poco sicuri fossero gli attuali sistemi di rifornimento. Trasportare acqua in bottiglia, o approntare localmente metodi di purificazione non solo limita il raggio di azione e i luoghi in cui i soldati possono operare, ma obbliga all’uso di ingombranti convogli che consumano immense quantità di carburante inquinante, e possono esporre il personale combattente ad agguati. Tradizionalmente all’avanguardia nella ricerca e sperimentazione, gli scienziati del Corpo hanno invece inventato un metodo per “bere dal cielo”.

L’ESPERIENZA

 Secondo quanto ha spiegato il capitano Sean Corderman, i Marines hanno costruito un sistema portatile per estrarre l’acqua dall’umidità dell’aria e purificarla, rendendola potabile. Si chiama Atmospheric Portable-water Sustainment Unit (Apsu). «Possiamo montarla praticamente su qualsiasi veicolo – ha informato il capitano – E quello che fa è estrarre l’acqua dall’aria per darci acqua potabile senza doverci collegare a una vera fonte d’acqua». L’unità genera da 15 a 20 litri di acqua potabile ogni 24 ore. Un ventilatore aspira l’aria dall’atmosfera nel sistema, rimuovendo polvere, sporco e altre particelle attraverso i filtri. L’aria viene poi sottoposta a un processo di riscaldamento e raffreddamento, con conseguente condensazione dell’acqua che, passando attraverso più filtri, viene ripulita delle impurità prima di essere conservata in un serbatoio. Accertata l’efficienza del sistema, il Pentagono ne sta ordinando numerose unità, ampliando anche lo studio su come conservare l’acqua raccolta. È ovvio che l’invenzione ha un’immensa utilità militare, ma anche civile. Le unità fisse di deumidificatori e purificatori esistono già, e promettono di portare sollievo in varie parti del mondo. Ma sono ingombranti e costose e richiedono investimenti massicci e larghi spazi. La possibilità di trasportare velocemente ed economicamente sistemi mobili in luoghi colpiti da disastri, o comunità affette da prolungate crisi di siccità e desertificazione, o da inquinamento delle falde acquifere, può contribuire a salvare un immenso numero di vite umane. Oggi 855 milioni di persone non hanno accesso ad acqua potabile e ogni anno quasi 4 milioni muoiono a causa di acque contaminate.

Clima, estate 2022 più calda della storia in Europa: temperature su di 1,2 gradi dall'era preindustriale. Ecco perché

LA PROSPETTIVA

Negli Stati Uniti è già possibile acquistare un sistema portatile per la propria casa, e l’offerta interessa soprattutto chi vive in zone remote dove non arrivano gli acquedotti, ma sono in molti a pensare che le catastrofi da inquinamento che hanno colpito la cittadina di Flint nel Michigan e la base militare di Camp Lejeune nella Carolina del nord sarebbero state risolte in modo più veloce e indolore se gli Apsu fossero già esistiti. 

Quanto ai Marines, dopo i venti anni e passa di guerre in zone desertiche e aride, si preparano a possibili confronti con la superpotenza cinese nel Pacifico, in particolare nel conteso Mar Cinese Meridionale, una via d’acqua critica attraverso la quale si muove almeno un terzo di tutto il commercio internazionale. L’esercito cinese ha di stanza truppe sulle isole contese della regione e ne ha costruite di artificiali per consolidare la sua posizione. Le forze Usa ipotizzano dislocamenti di piccole squadre che dovranno operare per lunghi periodi di tempo per proteggere il passaggio del commercio internazionale, senza supporto esterno in un ambiente in cui le forze nemiche potrebbero tagliare le linee di rifornimento o le forze amiche potrebbero semplicemente essere troppo lontane per rispondere rapidamente. Ma il clima della regione è umido, spiacevole spesso per gli esseri umani, e tuttavia ottimo per restituire acqua potabile in poco tempo. «Grazie all’aria opprimente e umida della regione – conferma il capitano – si potrà bere dal cielo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA