Buffon, nuovo capo delegazione azzurro: «Darò il mio contributo, ma non sono Vialli. La mancata qualificazione ai Mondiali? Abbiamo pagato la vittoria dell'Europeo»

di Alessandro Angeloni, nostro inviato
Lunedì 4 Settembre 2023, 13:25 - Ultimo aggiornamento: 5 Settembre, 09:06 | 1 Minuto di Lettura

Sul proprio ritiro

Quanto è stato difficile smettere? «Non lo è stato, alla mia età. Sono riuscito a farmi male, è stato un segnale ed è stato il momento di chiudere. A Cagliari, nello spogliatoio, ho deciso di lasciare». Sul paragone con Dino Zoff: «Sono l’ultimo che può e vuole rispondere a questo. Sono un uomo di sport e felice per quello che ho fatto. Zoff è un riferimento per tutti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA