Buffon, nuovo capo delegazione azzurro: «Darò il mio contributo, ma non sono Vialli. La mancata qualificazione ai Mondiali? Abbiamo pagato la vittoria dell'Europeo»

di Alessandro Angeloni, nostro inviato
Lunedì 4 Settembre 2023, 13:25 - Ultimo aggiornamento: 5 Settembre, 09:06 | 1 Minuto di Lettura

Gli obiettivi dell'Italia

«Non penso che in Italia ci sia un calcio minore», ha continuato Buffon, « Non credo ci sia questo rischio, di indietreggiare. Ora sento parlare di emozioni, di valori, che sono imprescindibili, al di là degli avversari che si affrontano. Ci sono degli obiettivi minimi che una squadra come la nostra deve raggiungere». Sulle mancate qualificazioni dai Mondiali: «È stato un cruccio non aver fatto il sesto mondiale, sarebbe stato unico. La vita è stata benevola nei miei confronti, mi ha ripagato di quel dispiacere. L'Europeo è stata una magia, un obiettivo che l'Italia ha raggiunto grazie anche a situazioni fortunate, e la stessa cosa penso che valga al contrario per la mancata qualificazione all'ultimo Mondiale. Tra rigori sbagliati e altro, è stato il dazio da pagare per la vittoria di Wembley».

© RIPRODUZIONE RISERVATA