Vuelle rampante con Eboua:
«Sogno l'Nba, mi ispiro a Siakam»

Domenica 14 Luglio 2019
Paul Eboua, 19 anni, nuova ala camerunense della Vuelle
PESARO - Paul Eboua, nuova e giovanissima ala della Vuelle che saprà farsi benvolere a suon di schiacciate e gesti atletici, si racconta e lancia la sfida ai campioni americani d’oltreoceano. «Il mio sogno è andare in Nba – afferma con sicurezza -. Penso che durante quest’anno con l’aiuto del coach e dei compagni potrei migliorare abbastanza per riprovare a mettermi in mostra nel draft 2020».

Quest’anno ha ritirato il suo nome. «È complicato da spiegare. Il mio agente non ha avuto quel feeling per farmi restare, gli accordi non erano abbastanza solidi. Sono contento di aver scelto Pesaro, è un’occasione per migliorare, la Serie A è difficile. Il mio ruolo? Tre-quattro. Sono più comodo giocando ala piccola. So che Pesaro è una bella piazza per migliorare, c’è tantissima gente a cui piace il basket, un club storico e ho apprezzato questo.
Ha iniziato a giocare a pallacanestro molto tardi. «Quattro anni e mezzo fa. Prima praticavo il calcio per divertimento, ho scoperto tardi il basket perchè ho cambiato città e a Douala ho trovato un amico – Owen - che giocava e mi è piaciuto, mi ha fatto vedere come si gioca».

Paul ha appena preso la maturità scientifica e viene da una annata a Roseto da 5,3 punti e 3,4 rimbalzi 14 minuti a partita. «Devo migliorare nella concentrazione e nel palleggio. I giocatori a cui mi ispiro? Kawhi Leonard e soprattutto Pascal Siakam, che è originario del Camerun come me. Sento che posso diventare come lui». Ultimo aggiornamento: 22:21


© RIPRODUZIONE RISERVATA