Trillini: «Il Matelica sarà in alto
E Pera è il vero Ronaldo della D»

Mercoledì 11 Settembre 2019
Manuel Pera, bomber della Recanatese
ANCONA - «Non sorprende l’avvio sparato della Recanatese, ripartita da una valida intelaiatura. La Sangiustese è una realtà consolidata, mentre il Tolentino vola sulle ali dell’entusiasmo tipiche di una matricola. Il Matelica non deve abbattersi per la sconfitta di Montegiorgio: la ritroveremo presto lassù». Analizza così la partenza delle marchigiane inserite nel girone F di Serie D Sauro Trillini, convinto che tutte abbiano le carte in regola per raggiungere i rispettivi obiettivi. L’esperto allenatore ex Samb, Maceratese e Ancona indica anche l’asso migliore in dotazione di una delle sette marchigiane: «Manuel Pera è il Ronaldo della D. Passano gli anni ma i suoi numeri realizzativi non fanno più notizia: con un cecchino così implacabile nessun traguardo deve essere vietato per la Recanatese che può disporre di altre frecce letali come Actis Goretta e Padovani».
Trillini fornisce anche un assist al Matelica. «Ci può stare una battuta d’arresto alla seconda giornata, quando i meccanismi non possono funzionare alla perfezione, e su un campo ostico come quello di Montegiorgio. Quando la classifica conterà ritroveremo l’undici di Battistini lassù. L’assenza di società illustri, tipo il Cesena dell’anno scorso, rendono il girone F più equilibrato. Al Matelica, che ha collezionato secondi posti in serie, è sempre mancato lo scatto decisivo per chiudere in vetta. Stavolta ha la possibilità di farcela, anche se la concorrenza è agguerrita a partire dalla Recanatese».


© RIPRODUZIONE RISERVATA