Dal Trapani fallito all'Eccellenza in formato ridotto: saranno almeno 10 i ripescaggi in Serie D

Giovedì 25 Marzo 2021
Un contrasto Ruggeri e Sbaffo durante Recanatese-Tolentino finita 2-2

ANCONA - Dopo l’okay definitivo alla ripartenza dei campionati di Eccellenza, si può già calcolare che saranno almeno 10 i ripescaggi in Serie D al termine della stagione. Ad oggi il massimo campionato italiano dei dilettanti conta 166 società, contro le 162 del format. Da queste 166 andranno tolte le 9 società promosse in C e le 36 retrocesse in Eccellenza scendendo così a 121. A questo numero si dovranno aggiungere però le retrocesse dalla Serie C, che saranno 8 e non più 9 poiché il Trapani, fallito, non ha diritto a iscriversi in D e potrà farlo soltanto chiedendo l’iscrizione in sovrannumero.

Si arriva così a 129 società, alle quali si aggiungeranno le promosse dall’Eccellenza che non saranno le 36 previste ma solo 24: bisogna toglierne 8 perché sono già stati annullati playoff e Coppa Italia Nazionale, ma anche altre 4, visto che hanno perso una promozione le regioni che non parteciperanno al campionato di Eccellenza al via nelle prossime settimane, ovvero Basilicata, Friuli Venezia Giulia e Umbria, oltre all’Emilia Romagna, che avrà soltanto una promozione, dato il numero esiguo, appena undici, di partecipanti. Di conseguenza, aggiungendo le 24 promosse alle 129 aventi diritto il totale fa 153. Di fatto, per tornare alle 162 canoniche da spalmare in nove gironi da 18, mancano nove società. Considerato che il Trapani farà l’iscrizione in sovrannumero, si arriverebbe a 163, numero dispari, cosa che aprirà le porte a un decimo ripescaggio. Tutto ciò senza considerare le società che rinunceranno a iscriversi in D e che farebbero crescere ancora il numero dei ripescaggi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA