Italia, alle 18 i sorteggi per Euro 2020: occhio al pericolo Ronaldo e Mbappè

Sabato 30 Novembre 2019
 Avevamo un po’ dimenticato, rimosso, presi dal pianto per aver steccato il Mondiale in Russia. Cosa si prova a vivere un sorteggio per una competizione internazionale? Roba che ormai risale al pre-Francia 2016, se si esclude il giorno dell’accoppiamento (maledetto) con la Svezia per spartirsi quel posto a Russia 2018. Ma ormai è andata.

Oggi ci siamo, a Bucarest l’Italia c’è. C’è la Nazionale di Mancini e, per il movimento azzurro in genere, anche Francesco Totti, ex campione tra ex campioni come Lahm, Casillas, Siveb‘k, Desailly, Ricardo Carvalho, per fare qualche esempio. Bucarest, ore 18 (diretta Rai 2, Sky Sport Collection e Sky Sport 24): si aprono le urne. L’Italia, dopo la grande cavalcata in qualificazione, chiusa con l’en plain, conoscerà le sue avversarie per Euro 2020. Sono 20 le squadre che attendono, ce ne sono altre 4 che dovranno arrivare dagli spareggi (si giocano a marzo, sedici squadre divise in quattro gironi: la prima sfiderà la quarta, la seconda la terza: le vincitrici si sfideranno in finale e da queste partite usciranno le ultime quattro partecipanti ai gironi). La Nazionale di Roberto Mancini, è in prima fascia e verrà inserita nel Gruppo A, in quanto uno dei paesi ospitanti. L’esordio è previsto a Roma il 12 giugno e all’Olimpico, come noto, la Nazionale giocherà tre partite del proprio girone. Wembley è la sede delle semifinali (7 e 8 luglio) e della finale (il 12). Si comincia con il sorteggio di una testa di serie da assegnare al gruppo, le Nazioni ospitanti vengono dirottate nei rispettivi gironi (e non si affronteranno tra loro nella prima fase). 


PERICOLI
Il Gruppo A si gioca a Roma e Baku, quindi - come detto - c’è sicuramente l’Italia; Gruppo B San Pietroburgo, Copenaghen; Gruppo C Amsterdam, Bucarest; Gruppo D a Londra e Glasgow; Gruppo E a Bilbao e Dublino, infine il Gruppo F a Monaco e Budapest. L’Italia, che è in prima fascia, rischia di pescare alcune top d’Europa, che arrivano sia dalla seconda sia dalla terza fascia; in seconda, infatti, presenti Francia e Croazia (finaliste dell’ultimo mondiale) e l’Olanda, poi ci sono anche Polonia e Russia. Il rischio pesante arriva dalla terza è Cristiano Ronaldo e il suo Portogallo. C’è pure la possibilità, per l’Italia, di rivivere l’incubo Svezia. Saranno composti 6 gironi da 4 squadre, all’Europeo si qualificheranno le prime due di ogni girone e quattro terze classificate su sei. Ultimo aggiornamento: 16:17


© RIPRODUZIONE RISERVATA