Sangiustese senza pace: dopo mister Campedelli lascia anche il dg Stambazzi

Venerdì 14 Febbraio 2020
Gianluca Stambazzi insieme al presidente Andrea Tosoni
MONTE SAN GIUSTO - Non c’è pace in casa Sangiustese, da questa mattina senza direttore generale. Gianluca Stambazzi ha infatt rassegnato le dimissioni. Motivi personali alla base della sua scelta. La volontà di lasciare l’incarico è stata formalizzata al presidente Andrea Tosoni che, ringraziandolo per l’impegno di queste settimane, ha accettato la sua decisione. L’avventura in rossoblù di Stambazzi è durata ancor meno di quella di Campedelli sulla panchina. L’arrivo del nuovo dg era stato annunciato appena il 29 gennaio, 19 giorni dopo l’avvicendamento tecnico. Dunque è rimasto in carica appena un paio di settimane. Come per il suo predecessore, i motivi della separazione sono “personali”.

Cossu aveva parlato di voler rimanere vicino alla sua famiglia in un particolare momento e di accettare solo soluzioni lavorative vicino casa. Così è stato visto che il direttore sportivo si è accasato nella sua Jesi. Stambazzi, invece, non ha avuto il tempo di lasciare il segno nella Sangiustese. Nelle Marche il dirigente romagnolo aveva lavorato a Macerata al fianco di Maria Francesca Tardella nel 2016, annata che i biancorossi chiusero al terzo posto in serie C. In precedenza era stato ds a, Riccione, Verrucchio, Santarcangelo, Forlì, Rimini e Bellaria. E qui, per due stagioni, è stato fianco a fianco con mister Campedelli che aveva ritrovato a Monte San Giusto. Ora entrambi sono fuori ma non ancora sostituiti. In panchina domani andrà (a questo punto appare certo) l’allenatore in seconda Fabio Roscioli. Per il ruolo di direttore generale bisognerà aspettare le decisioni del patron. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA