Playout e retrocessioni: anche il Fano fa ricorso al Coni insieme a Olbia e Picerno

I giocatori del Fano durante una partita del girone B di Serie C
I giocatori del Fano durante una partita del girone B di Serie C
3 Minuti di Lettura
Martedì 16 Giugno 2020, 12:44 - Ultimo aggiornamento: 16:01
FANO - Dopo Rieti e Rimini (contro la retrocessione d'ufficio in Serie D), anche Fano, Olbia, Picerno e Gozzano hanno presentato ricorso al Collegio di Garanzia dello Sport del Coni in merito alle decisioni sui playout prese nell'ultimo Consiglio Federale. Il Fano chiede al Collegio di Garanzia “in via cautelare, anche mediante provvedimento presidenziale, di sospendere l’esecuzione dell’efficacia del provvedimento impugnato nella parte in cui prevede la disputa dei pla yout, in attesa della decisione collegiale, se, del caso, ordinando alla FIGC l’adozione di tutti i conseguenti provvedimenti necessari;
nel merito, di annullare il provvedimento impugnato, ordinando alla FIGC di disporre la conclusione del Campionato di Serie C con lo svolgimento di tutte le partite previste dal calendario ordinario;
sempre nel merito, in via subordinata, di annullare il provvedimento impugnato, ordinando alla FIGC di disporre la cristallizzazione della classifica dei gironi del Campionato di Serie C, non prevedendo per a stagione sportiva 2019/2020 alcuna retrocessione in serie D;
sempre nel merito, in via ulteriormente subordinata, di annullare il provvedimento impugnato nella parte in cui prevede che nel caso in cui, a causa dei provvedimenti relativi alla emergenza epidemiologica da COVID-19, non fosse possibile concludere il Campionato con la disputa dei play – out, sono retrocesse in Serie D le squadre classificate all’ultimo, penultimo e terzultimo posto di ogni girone secondo la classifica di cui all’allegato 2 al ricorso; e che, nel caso in cui lo svolgimento dei play ut dovesse essere sospeso a causa di provvedimenti relativi alla emergenza epidemiologica da COVID-19, e, pertanto, non fosse possibile concludere gli stessi entro il 20 agosto 2020, sono retrocesse in Serie D le squadre classificate all’ultimo, penultimo e terzultimo posto di ogni girone secondo la classifica di cui all’allegato 2 al ricorso, fatti salvi gli eventuali esiti definitivi determinati dai play out già disputati".

Oltre a Rieti e Rimini, prova a bloccare la retrocessione diretta sancita d’ufficio anche il Gozzano, retrocesso direttamente nel girone A, che ha presentato ricorso proprio questa mattina. La battaglia è finalizzata a chiedere il blocco dei playout. Diversa invece la richiesta del Picerno che rivendica il diritto di conservare la categoria avendo in classifica nel girone C un distacco dalla penultima tale per non disputare i playout.
© RIPRODUZIONE RISERVATA