Il costosissimo Monza è a un passo dall'uscita dai playoff. Tripletta di Enrico Baldini per il Cittadella

Lunedì 17 Maggio 2021 di Vanni Zagnoli
Il costosissimo Monza è a un passo dall'uscita dai playoff. Tripletta di Enrico Baldini per il Cittadella

Giovedì, dalle 20,45, a Monza, il Cittadella passerà in finale anche perdendo con due gol di scarto. Si aggiudica l’andata con un 3-0 raro, nei playoff, e ha un protagonista inatteso, Enrico Baldini, massese, 24 anni, autore della tripletta. Le prime due reti arrivano in metà primo tempo, più o meno come nella finale di due anni fa, con il Verona, che però ribaltò la sfida nel ritorno.

Lombardi e la promozione in A con la Salernitana. «Anno difficile, ma sono pronto a tornare»

Uscito dalla Primavera dell’Inter, Baldini è arrivato dal Fano, dalla serie C, a gennaio, e aveva segnato due reti in 13 gare nel girone di ritorno, caratterizza il match anche con tanta corsa.

I brianzoli segnano con l’ex Diaw, l’arbitro Ayroldi annulla perchè la palla sull’angolo di Barberis era uscita. Al 13’ Vita crossa da destra, Baldini sorprende alle spalle Bettella (centrale spesso più abile sottoporta che in difesa) e con un tocco al volo batte Di Gregorio, imperfetto nell’uscita. Nella squadra di Brocchi, si fa male Paletta, che partì titolare al mondiale in Brasile, con Prandelli, entra Scaglia e soffrirà. I granata si coprono e raddoppiano al 22’, rinvio di Kastrati, la palla arriva nell’area opposta, Baldini controlla al volo, finta e destro piazzato. Splendido.Anche il Cittadella perde un titolare, Frare, sostituito da Perticone, soprattutto vengono ammoniti Branca e Adorni, che salteranno gara2. 

Il Monza si era ritrovato nel rush finale, con 4 successi in sequenza, anche a Salerno e sul Lecce, però aveva chiuso facendosi battere in casa dal Brescia. Reagisce con la punizione di Barberis, respinta dal portiere, gli manca proprio la propulsione del regista ex Crotone, neanche Frattesi, Dani Mota e Carlos Augusto hanno la verve abituale. Donnarumma, invece, da fuori, impegna a fondo Di Gregorio.

Anche la ripresa del Monza è modesta, per mezz’ora, meglio il Citta, con Tsadjout che in allungo manca la deviazione di un soffio e pure un’opportunità con Proia è favorevole.

Su traversone da destra, arriva un’occasione biancorossa, il colpo di testa di Dani Mota è respinto da Kastrati, Frattesi manda alto un tapin comodo. L’allenatore Roberto Venturato pensa a difendere, nel finale, nei 4 precedenti playoff aveva generalmente dato spettacolo, facendosi però beffare in extremis. Un tentativo da fuori di Carlos Augusto non può sorprendere Kastrati. Una curiosità: in Serie B si possono scaldare contemporaneamente solo 3 giocatori, Brocchi fa scaldare il quarto, Balotelli, nel campo vicino al Tombolato, e lo fa entrare per gli ultimi minuti, Adorni lo chiude, impedendogli il tiro. 

Daniele Donnarumma, invece, salta due volte Scaglia, rientra e calcia, Di Gregorio non trattiene e Baldini fa tris, a 5’ dal termine. E di nuovo Donnarumma, forse il migliore nella stagione granata, è insidioso da sinistra. Per il Monza tre tentativi velleitari, nel recupero.

Tris della Salernitana con il Pescara già retrocesso: promossa in Serie A per la terza volta

“L’abbiamo preparata perfettamente - dice Manuel Iori, 39 anni, capitano dei patavini -, al ritorno serve una gara gagliarda”. Potrebbe smettere, vorrebbe farlo lasciando il Cittadella in serie A.

In tribuna, al Tombolato i tanti addetti ai lavori non si capacitano di come fatichi tanto la squadra dal secondo budget più alto della serie B (quasi 19 milioni lordi, contro i 22,2 della Spal), in questo senso la differenza con il Cittadella è enorme. Il monte ingaggi dei granata è di appena 3,2 milioni, l’ultimo della cadetteria. Eppure ora sono vicini alla seconda finale della storia, al sesto playoff.

 

 

Ultimo aggiornamento: 21:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA