MotoGp, Valentino Rossi esulta per Bagnaia e Bezzecchi: «Oggi godiamo, siamo sul tetto del mondo»

Il leader del mondiale, nel tentativo di superare Aleix Espargaró, scivola e rovina la carena della sua Yamaha

MotoGp, Valentino Rossi esulta per Bagnaia e Bezzecchi: «Oggi godiamo siamo sul tetto del mondo»
MotoGp, Valentino Rossi esulta per Bagnaia e Bezzecchi: «Oggi godiamo siamo sul tetto del mondo»
2 Minuti di Lettura
Domenica 26 Giugno 2022, 15:57 - Ultimo aggiornamento: 18:48

Valentino Rossi esulta per lo straordinario risultato ottenuto in Olanda da Bagnaia e Bezzecchi, i due suoi allievi che al Moto Gp hanno firmato una doppietta Ducati. A vincere è Francesco "Pecco" Bagnaia, al settimo successo in top class, il terzo in questa stagione, davanti a Marco Bezzecchi, al primo podio in MotoGp. Dietro alle due moto di Borgo Panigale ci sono le Aprilia degli spagnoli Maverick Vinales, che completa il podio e Aleix Espargaro, quarto. «Oggi  godiamo - ha detto Valentino - siamo sul tetto del Mondo. Bagnaia e Bezzecchi primo e secondo in MotoGP ad Assen, una giornata indimenticabile, grazie al loro talento e al grande lavoro di tutti nella VR46 Riders Academy, nel VR46 Racing Team e della Ducati».


Gp Olanda doppietta Ducati


Quinto posto per il sudafricano della Ktm Brad Binder che si lascia alle spalle altre due Ducati, quelle dell'australiano Jack Miller e dello spagnolo Jorge Martin. Ottavo lo spagnolo della Suzuki Joan Mir che precede il portoghese della Ktm Miguel Oliveira e il connazionale e compagno di squadra Alex Rins. Giornata storta per il leader del mondiale Fabio Quartararo che commette il primo clamoroso errore della sua stagione: nel tentativo di superare Aleix Espargaró, scivola e rovina la carena della sua Yamaha. Il francese si rialza e riparte, ma la sua moto è danneggiata e cade di nuovo al 13° passaggio ritirandosi definitivamente. Quartararo resta primo in classifica con 172, 21 in più di Espargaro.

La classifica

Il francese va alla sosta del Mondiale con 172 punti, seguito da Espargaro a -21, Johann Zarco a -58, Bagnaia a -66 ed Enea Bastianini a -67.

© RIPRODUZIONE RISERVATA