Monticelli già obbligato ai playout
Agnonese salva, ecco come finirà

I giocatori del Monticelli al termine di una partita di campionato
I giocatori del Monticelli al termine di una partita di campionato
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 4 Maggio 2016, 15:37

ANCONA - Monticelli già matematicamente al playout del 22 maggio anche nel caso in cui domenica batterà il retrocesso Giulianova, Agnonese già salva anche se domenica perdesse a Matelica: i molisani hanno già fatto baldoria domenica scorsa in campo dopo il successo per 1-0 sul San Nicolò. Ad una sola giornata dal termine del campionato, il girone F di Serie D ha già emesso alcuni verdetti virtuali. Decisivi gli scontri diretti, in cui la squadra molisana è in vantaggio su tutti, e la circostanza che proprio domenica si giochi Castelfidardo-Folgore, che è già uno spareggio ad eliminazione diretta: con una vittoria i biancoverdi (ora tredicesimi con 39 punti) sarebbero salvi direttamente e i folgorini (ora sedicesimi con 32 punti) tornerebbero in Eccellenza perché si ritroverebbero ad 8 o più punti di distacco dalla 13ª in classifica finale. Con un pareggio o un colpo esterno della Folgore, entrambe si ritroverebbero ai playout, magari riaffrontandosi di nuovo domenica 22 maggio sempre al Galileo Mancini.

Detto che proprio per quest’incrocio, anche l’Avezzano (ora a 41 punti) è già salvo aritmeticamente, il rimpianto più grande è tutto del Monticelli, la prima squadra marchigiana di un quartiere cittadino ad aver raggiunto la Serie D: senza quella sciagurata sconfitta a tavolino per 3-0, maturata il 20 marzo scorso ad Agnone per l’errata sostituzione di un under (dentro all’88’ il ’95 Stangoni per il ’96 Vallorani), oggi l’Agnonese avrebbe due punti in meno degli attuali 40 (in campo finì 0-0), il Monticelli uno in più, sarebbe quindi alla pari a quota 38 e pure in corsa per la salvezza diretta. L’avrebbe centrata anche in alcuni degli 11 casi possibili di classifiche avulse, graduatoria che si forma con i soli risultati degli scontri diretti per assegnare le posizioni finali quando due o più squadre terminano la corsa a pari punti. Di fatto, anche grazie a quel 3-0 a tavolino, oggi l’Agnonese è già salva perché sarebbe sempre in testa in tutti i 7 casi di avulse che la vedrebbero coinvolta se domenica perdesse a Matelica e fosse agganciata dalla concorrenza a quota 40: ha vinto 2-0 e pareggiato 0-0 con l’Isernia, è in vantaggio sul Castelfidardo per un solo gol segnato in più (sconfitta per 2-1 all’andata rimontata con un 3-1 al ritorno) e pure sul Monticelli, considerato lo smacco subito a tavolino per la regola dei 4 under in campo non rispettata nei minuti finali, dopo il 3-3 dell’andata. In tutto fanno 11 punti in sei confronti contro gli 8 di Castelfidardo e Monticelli e i soli 5 dell’Isernia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA