Dal Monticelli fino al Tirassegno
sono 9 le possibili retrocessioni

Giovedì 3 Maggio 2018
Un duello aereo tra Giovagnoli e Ciabuschi durante Monticelli-Castelfidardo terminata 1-0

ANCONA - Può finire domenica la leggenda del Monticelli, l’unica squadra d’un quartiere di una città marchigiana ad aver raggiunto la Serie D. Gli ascolani, dopo una salvezza ai playout e un settimo posto nelle ultime due stagioni battendo anche Samb al Riviera e Fermana al Recchioni, sono arrivati all’ultimo appello. Terzultimi e distaccati di 10 punti dalla 13ª, che è il San Nicolò, l’unica agganciabile per giocarsi la salvezza in uno spareggio, dovranno vincere a Francavilla e confidare che i teramani perdano ma anche che l’Agnonese non vinca. Altrimenti retrocederanno. In Eccellenza, dopo l’addio del Barbara, ultimo per un solo punto di scarto, domenica scaturiranno le ulteriori due retrocessioni dai playout Marina-Loreto e Ciabbino-Pergolese. In Promozione sono possibili altri due tristi epiloghi. Nel girone A il Real Metauro retrocede domani se perde a Cantiano e sia Gabicce Gradara che Villa Musone vincono. Nel B la Pinturetta saluterà tutti se perde e sia Futura che Trodica almeno pareggiano, ma anche se pareggia e le rivali vincono. In entrambi i casi il distacco massimo di 9 punti per un eventuale playout sarebbe già varcato.

Possibili altre tre retrocessioni in Prima. Nel girone B vede nero il Monsano, ultimo a -6. Per cui domani retrocede se perde e il Ponterio almeno pareggia. Con un pareggio sarebbe ancora in gioco solo perché lo stesso Ponterio proprio in questo turno scorna con il Borghetto: comunque finirà, una delle due resterebbe a non più di 6 punti di distacco a -2 dalla fine. Nel D possono già retrocedere insieme le ultime due: letale anche qui la trappola dei 9 punti di distacco per la disputa del playout. Il Montegranaro, ultimo a -3 dal Petritoli, a sua volta a -7 dalla terzultima e a -14 dalla quintultima, deve solo vincere e sperare che la Centoprandonese non vinca o che il Santa Caterina perda. Il Petritoli gli farà compagnia se perde e la Centoprandonese vince e il Santa Caterina almeno pareggia. Se invece pareggia, il Montottone fa almeno altrettanto e la Centoprandonese vince, resterà in corsa perché si gioca Grottese-Santa Caterina: con qualsiasi risultato, almeno una resterebbe a tiro per un eventuale playout.

In Seconda rischia il Colle 2006, ultimo a -6 nel girone C. Retrocede se perde e il Ponterosso almeno pareggia, ma anche se pareggia e l’altra dorica di quartiere vince. Nell’E barcolla il Santa Maria Apparente, a -4 dallo Skorpion e a -5 dallo United Civitanova: sarà retrocesso se perde e le altre vincono. Sta peggio il Tirassegno, in coda al G con 6 punti di ritardo: retrocederà se perde e il Valtesino almeno pareggia, ma anche se pareggia e la rivale vince.


© RIPRODUZIONE RISERVATA