Italia-Olanda 0-2: finisce il sogno iridato, le azzurre crollano nella ripresa

Sabato 29 Giugno 2019
Italia-Olanda 0-2: finisce il sogno iridato, le azzurre crollano nella ripresa

Sconfitte dal caldo, stremate dalla fatica, le ragazze di Milena Bertolini escono a testa alta dal mondiale femminile dopo la storica impresa di aver riportato l'Italia fra le prime 8, dopo 20 anni. Passano le olandesi, più forti tecnicamente e fisicamente, ma le azzurre non hanno da rimproverarsi nulla a parte qualche occasione che nel primo tempo avrebbe potuto cambiare la partita.

Sotto il sole a picco delle 15, orario subito e contestato da entrambe le squadre, Sara Gama, Valentina Giacinti, Elisa Bartoli, Barbara Bonansea e le altre azzurre, sono colate a picco nel secondo tempo, soltanto quando avevano dato ormai tutto. Molte lacrime alla fine, ma è di più l'orgoglio per un'impresa indimenticabile, il calcio in Italia da adesso è anche donna. «Non abbiamo giocato alla pari - ha sottolineato la ct - le ragazze hanno affrontato colleghe che hanno opportunità diverse, le olandesi sono professioniste». Il pallone al femminile ha dimostrato di avere qualità e di essere un grande spettacolo, milioni di italiani hanno sofferto per le ragazze della Bertolini davanti alla tv, battendo record su record. Ed ha messo in mostra anche valori diversi, più autentici, che hanno riportato indietro agli anni gloriosi di un calcio rimasto sepolto nei ricordi e negli almanacchi. Nella fornace di Valenciennes, in un match che poteva essere disputato alle 21, la banda azzurra ha retto un solo tempo, concedendo non soltanto centimetri e muscoli alle olandesi ma anche due pulite palle gol fallite prima dalla Bergamaschi poi da una Valentina Giacinti che non si è arresa fino alla fine, quando si è accasciata sul prato a piangere come una bambina. Le compagne l'hanno aiutata ad alzarsi e ad andare, stavolta lentamente e senza Macarena, sotto lo spicchio di curva dei tifosi azzurri.

A ringraziare, applaudire e continuare a piangere. Dall'altra parte, l'onda arancione delle migliaia di tifosi olandesi arrivati da casa in gita con un paio d'ore di strada, celebrava il passaggio in semifinale delle ragazze guidate in campo dalla centravanti Miedema, autrice del bel gol che - al 25' - ha tagliato le gambe alle azzurre. Ma Sara Gama e le altre erano già allo stremo alla fine dei primi 45', il rientro dagli spogliatoi è apparsa una sofferenza. In campo sono rimaste soltanto le ragazze arancioni, mentre per le azzurre - abbandonate nell'intervallo anche dall'ottima Bartoli, infortunata - la ripresa è stata un calvario: solo l'Olanda in campo, tiri che piovevano da tutte le parti, occasioni da gol e cartellini gialli a ripetizione. Poi il gol della Miedema, e 10' più tardi il sigillo della Van der Gragt, con Sara Gama e le altre ormai in ginocchio. Resta però moltissimo di quest'Italia, che adesso a gran voce chiede il sacrosanto passaggio del calcio donne al professionismo. Gli italiani si sono appassionati e hanno superato i pregiudizi, le ragazze hanno guidato la riscossa del loro sport, hanno perso ma non hanno mai mollato. Proprio come le tre azzurre che, nell'ultima azione a partita ormai persa e in attesa del fischio finale, sono andate a strappare tutte insieme il pallone a un'avversaria sulla bandierina del corner, ripartendo in attacco. Sempre a testa alta.


- 45' + 5' Con qualche secondo di anticipo l'arbitro fischia la fine. Italia eliminata
- 45' Cinque minuti di recupero
- 41' Doppio cambio Olanda: fuori Van Der Gragt per Dekker; e Miedema per Roord. Escono le autrici dei gol
- 38' Italia vicino al gol con Sabatino che però calcia sul corpo del portiere in uscita
- 36' Miedema pericolosa, Giuliani mette in corner
- 35' Raddoppia l'Olanda, ancora di testa e su palla inattiva. Stavolta è la Van Der Gargt a fare centro
- 34' Quarta ammonita fra le azzurre: Sabatino
- 30' Secondo cooling break
- 30' Terzo cambio della Bertolini: fuori Bergamasco dentro Serturini. Per la romanista è l'esordio al Mondiale
- 28' Ammonita anche la Cernoia, era diffidata
- 25' Olanda in vantaggio: colpo di testa della Miedema che non lascia scampo a Giuliani
- 24' Sale la tensione, faccia a faccia Gama-Van De Donk
- 22' Guagni ammonita per proteste
- 18' Ancora Olanda pericolosa con una punizione dai 25 metri della Spitse che sfiora il palo
- 13' Traversa centrata da Van De Donk con un tiro da fuori
- 11' Primo cambio per l'Olanda, fuori Van De Sanden dentro Beerensteyn
- 9 ' secondo cambio per l'Italia Sabatino dentro per Bonansea
- 9' Van De Sanden al tiro: debole e centrale
- 6' Brivido per le azzurre: incursione della Groenen sola davanti a Giuliani, ma era fuorigioco
- 5' Destro della Martens dal limite, Giuliano blocca a terra
- 4' Miedema ha la palla buona di testa, ma l'olandese riesce solo a spizzare e conlcude fuori
- 1' Cambio per le azzurre, dentro Boattin per la Bartoli
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
- 45' + 5' L'arbitro fischia la fine del primo tempo
- 45' + 4' Uno-due Giacinti-Bonansea, ma la Van Dongen è provvidenziale per le olandesi
- 45' + 2' Olanda pericolosa in area, la Giuliani esce sui piedi della Martens e sbroglia
- 45' Cinque minuti di recupero
- 42' Calcia Spitse, ma la Giuliani non ha problemi e fa sua la palla
- 41' Linari ferma fallosamente al limite la Miedema: punizione pericolosa e giallo per l'azzurra
- 38' Ancora reattiva Laura Giuliani su un pericoloso cross da sinistra della Van Lunteren
- 36' La Giacinti sfiora il vantaggio, ma il suo sinistro rasoterra sfiora il palo
- 35' La Cernoia perde una palla pericolosissima in area, sbroglia tutto la Gama
- 34' Il gioco riprende
- 30' Puntuale, cooling break per il caldo: tutte in panchina a rinfrescarsi
- 29' Ci prova da fuori area la Miedema, ma la Giuliani fa buona guardia
- 25' Incursione in area della Bartoli che poi appoggia fuori per la Galli che conclude altissimo
- 18' Occasione per la Bergamaschi servita in area dalla Bonansea sola davanti al portiere, ma il suo tentativo di girata è debole e centrale facile preda della Van Veenedaal
- 15' Spunto personale della Bonansea, fermata in area dalla difesa Oranje
- 7' Si fa vedere l'Italia con un tiro alle stelle della Guagni dai 20 metri
- 6' traversone basso dalla sinistra della Van Lunteren, Giuliani para a terra
- In difesa, esterni invertiti: la Bartoli a destra, la Guagni a sinistra
- Partite
- Le azzurre tese e concentrate cantano a squarciagola sulle note di Mameli
- Inni nazionali, si comincia con il nostro
- Le squadre fanno il loro ingresso in campo. Sulle tribune la "macchia arancione" è notevole

Le formazioni

ITALIA (4-3-3): Giuliani; Guagni, Gama, Linari, Bartoli (1' st Boattin); Bergamaschi (30' st Serturini) Galli, Giugliano, Cernoia; Giacinti, Bonansea (10' st Sabatino). (6 Rosucci, 8 Parisi, 10 Girelli, 12 Marchitelli, 14 Tarenzi, 16 Fusetti, 18 Mauro, 20 Tucceri, 22 Pipitone). All.: Bertolinii
OLANDA (4-3-3): Van Veenendaal; Van Lunteren, Van der Gragt (42' st Dekker), Bloodworth, Van Dongen; Groenen, Van de Donk, Spitse; Van de Sanden (11' st Beerensteyn), Miedema (42' st Roord), Martens. (5 Van Es, 12 Pelova, 13 Renate Jansen, 15 Kaagman, 16 Kop, 17 Ellen Jansen, 18 Kerkdijk, 22 Van der Most, 23 Geurts). All.: Wiegmann
Arbitro: Claudia Umpierrez (Uruguay)
Reti: nel st 25' Miedema, 35' Van der Gragt.
Note: Angoli: 2-2. Ammoniti: Linari, Guagni, Cernoia e Sabatino per gioco scorretto. Recupero: 5' e 5'. Due cooling break: al 30' pt e del st. Spettatori: 22.600.

Ultimo aggiornamento: 21:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA