Maradona, all'asta la maglia della «Mano di Dio»: base d'asta da oltre 5 milioni di euro

Mercoledì 6 Aprile 2022
Maradona, all'asta la maglia della «Mano di Dio»: base d'asta da oltre 5 milioni di euro

Ai mondiali del 1986 l'Argentina di Diego Armando Maradona superò ai quarti di finale l'Inghilterra per 2 a 1, proprio con una doppietta del «Pibe de Oro», proseguendo la marcia trionfale verso la finale e la sua seconda vittoria nella competizione. Quella partita, tuttavia, è rimasta negli annali del calcio per la famosa «mano de Dios», la mano di Dio: così la definì lo stesso Maradona per giustificare l'astuto colpo di mano con cui beffò il portiere britannico Shilton segnando il primo gol; pochi minuti dopo venne la seconda marcatura, anch'essa passata alla storia, grazie a una serpentina di 60 metri tra i difensori inglesi. Ebbene, oggi, proprio la maglia numero 10 indossata dal campione argentino in quell'occasione, per oltre 35 anni custodita dall'ex centrocampista dell'Inghilterra Steve Hodge, va all'asta. Sotheby's punta a raccogliere una cifra da capogiro: la casa d'aste, che esporrà la maglia nei suoi uffici di Londra durante la vendita online (20 aprile-4 maggio), ha fissato il prezzo di partenza a 4 milioni di sterline, oltre 5,2 milioni di dollari. Come si legge nel comunicato della casa d'aste, Hodge, che aveva sempre detto di non voler vendere il cimelio per il suo «incredibile valore sentimentale», si è detto «certo che il nuovo proprietario sarà molto orgoglioso di possedere» la maglietta, che «ha un profondo significato culturale per il mondo del calcio, il popolo argentino e quello inglese». Da capire se la 10 di Maradona, mancato nel novembre 2020, batterà il record per un oggetto simile, che per il momento spetta alla maglia indossata dalla leggenda del baseball americano Babe Ruth con i New York Yankess alla fine del 1920, venduta nel 2019 per 5,6 milioni di dollari. L'anno scorso, una divisa indossata negli anni '50 dalla stella dei Brooklyn Dodgers Jackie Robinson è stata venduta per 4,2 milioni di dollari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA