Luigi Samele, medaglia d'argento nella sciabola a Tokyo 2020: «Un bel regalo di compleanno»

Sabato 24 Luglio 2021
Luigi Samele, medaglia d'argento nella sciabola a Tokyo 2020: «Un bel regalo di compleanno»

È targata scherma (e forse non a caso, dato che da sempre rappresenta la disciplina olimpionica più prolifica per i medaglieri italiani) il primo metallo azzurro alle Olimpiadi di Tokyo 2020, che battezza il primo giorno subito con un argento grazie alla quasi-impresa di Luigi Samele, schermidore foggiano tesserato Fiamme Gialle. 

 

 

Il 34enne pugliese ha ceduto il passo solo in finale e solo davanti al più grande, quell'Áron Szilágyi già campione 9 anni fa a Londra 2012 cosi come 5 anni fa a Rio 2016. L'ungherese ha fatto tris, stabilendo un primato che mai nessuno aveva registrato prima di lui, nemmeno la nostra Valentina Vezzali, che di ori olimpici in carriera ne ha infilati addirittura 6. Troppo forte il 31enne di Budapest, che si presenta in finale con l'onore dei pronostici e non smentendoli, conducendo dall'inizio alla fine senza andare mai in affanno, nemmeno dopo una serie di 4 stoccate consecutive da parte dell'italiano.

A fine partita ha parlato il pugliese, un po' amareggiato ma comunque felice del risultato complessivo: «Il secondo posto è meglio di terzo, peccato perché sono ancora arrabbiato. Deve ancora passarmi l'incazzatura per la sconfitta ma se mi avessero detto ieri che avrei vinto la medaglia d'argento avrei firmato. Ma sono felice, anche se non riesco ancora a realizzare. Mi faccio un bellissimo regalo di compleanno», evento che festeggerà domani in compagnia di chi gli è stato affianco in questa avventura e in compagnia di una medaglia al collo. Poi chiude scherzando: «Sarò nella storia della scherma, ma buon terrone mi sta ancora bollendo il sangue».


© RIPRODUZIONE RISERVATA