Lorenzo Paolucci mette già la freccia sul Siena: «L'Ancona dovrà partire forte»

Il neo dorico Paolucci mette già la freccia sul Siena: «L'Ancona dovrà partire forte»
Il neo dorico Paolucci mette già la freccia sul Siena: «L'Ancona dovrà partire forte»
di Peppe Gallozzi
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 31 Agosto 2022, 05:45 - Ultimo aggiornamento: 11:16

ANCONA La prima di campionato, in casa e in posticipo davanti alle telecamere di Raisport, è alle porte. Ancona-Siena (che sarà diretta da Luca Cherchi della sezione di Carbonia) a questo proposito, mette in palio qualcosa di più dei semplici tre punti. Partire con il piede giusto, al cospetto di un avversario tosto ed esperto come quello toscano, significherebbe per i dorici lanciare un segnale inequivocabile e questo il centrocampista Lorenzo Paolucci (’96), reduce dall’esperienza belga con l’Union SG, lo sa bene: «Le prime gare bisogna partire forte e in questo il pubblico può darci una grande mano. Mi aspetto tanta gente, ho visto l’entusiasmo della presentazione e sarebbe bello rivederlo subito al Del Conero».  Da parte sua il centrocampista abruzzese è pronto ad offrire un contributo importante forte delle esperienze maturate con Reggina, Teramo, Taranto e soprattutto Monopoli dove due anni esplose letteralmente in termini di prestazioni, assist e gol: «So inserirmi e sono cresciuto tanto nella fase di non possesso. Ho ricoperto tutti i ruoli del centrocampo ma da mezzala mi esprimo al meglio. Che squadra siamo? Potenzialmente abbiamo tutto per fare un gran campionato. Se riusciamo a trovare intensità allora potremmo divertirci». 


Trattativa lunghissima 


La trattativa per riportare Paolucci in Italia, dopo la non entusiasmante avventura estera dove ha collezionato appena qualche scampolo di gara tra la Pro League (l’equivalente della Serie A in Belgio) e la Coppa nazionale, non è stata semplice ma alla fine si è conclusa per il meglio grazie al lavoro certosino del direttore sportivo Francesco Micciola: «L’interessamento dell’Ancona mi ha lusingato sin da subito, non ci ho pensato due volte. Volevo tornare in Italia e volevo farlo con una squadra importante. Fortunatamente, dopo tanto tempo ad aspettare, il transfer è arrivato e ora penso solamente al campo e al Siena. Cosa non ha funzionato in Belgio? Un po’ l’ambientamento e un po’ il fatto che ho avuto poche opportunità per dimostrare il mio valore». La conclusione sulla sfida nella sfida che vivrà, in questa stagione, con il fratello maggiore Andrea Paolucci, punto di forza dell’Entella: «Ci sentiamo ogni giorno e ci capita spesso di scherzare. A casa ci sarà una lotta per vedere l’Ancona o l’Entella. Speriamo che alla fine possa sorridere io…».


Prosegue  la prevendita 


Mentre la squadra prosegue il lavoro al Paolinelli in vista del match di lunedì 5 settembre alle 20.30 contro i bianconeri di mister Pagliuca, non si fermano né la prevendita relativa alla singola partita – sarà aperta fino al calcio d’inizio - né la campagna abbonamenti sul circuito di Diyticket. Guardando al campo, è rientrato nuovamente in gruppo dopo aver smaltito i problemi muscolari il centrocampista Prezioso (’96) che però dovrà scontare il turno di squalifica insieme al terzino Brogni (’01). 


Micciola al mercato


C’è attesa, infine, per gli ultimi due giorni di calciomercato (si chiuderà domani alle 20). Il ds Micciola è atteso a Milano tra la serata di oggi e la mattinata di domani per valutare in prima persona l’eventuale fattibilità di nuovi colpi in entrata che, al momento, appaiono tuttavia poco probabili. A proposito di mercato, il difensore senigalliese Matteo Baldi (ex Marina e Vigor Senigallia, nell’ultima stagione alla Triestina) ha raggiunto l’anconetano Luca Lombardi all’Alessandria ed entrambi in questa annata saranno avversari dei dorici. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA