Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Allegri: «Real favorito, ma dobbiamo
portare a casa la Champions»

Allegri: «Real favorito, ma dobbiamo portare a casa la Champions»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 29 Maggio 2017, 16:37 - Ultimo aggiornamento: 16:57
TORINO - Niente ansia, siamo la Juve. A cinque giorni dalla finale di Cardiff Max Allegri chiama l’impresa, e sfida Zidane. «E’ un grande allenatore, la nostra è stata una stagione fantastica, manca l’ultimo sforzo. E’ la seconda partita più importante della mia carriera, dopo Berlino, ma questa volta c’è più convinzione, bisogna portare a casa la coppa. Servirà equilibrio, dobbiamo avere più motivazioni dei nostri avversari, dobbiamo avere la forza mentale di rimanere sempre dentro la partita. I favoriti sono loro, ma noi siamo concentrati e giocheremo senza ansia; ci siamo meritati questa finale, abbiamo fiducia».

Tutto un altro clima rispetto a due anni fa, contro il Barcellona a Berlino. «Sono fortunato a potermi sedere in panchina sabato a Cardiff. Nell’aria c’è più convinzione e positività, siamo cresciti in autostima dopo Berlino. C’è stata una crescita costante, mia, della società e della squadra. La negatività porta negatività; quando sono arrivato qui c’era un alone nero che faceva paura. Le finali perse? La Juventus ha giocato 8 finali. Arrivare in fondo non è facile è straordinario, vincere è meglio, ma è importante esserci».

Allegri carica Higuain: «Magari Gonzalo farà gol in finale, deve essere sereno e fare una partita giusta. Credo farà una grande finale. Loro con Bale sono più ordinati, con Isco hanno più fantasia. Zidane ha trovato l’equilibrio decisivo grazie a Casemiro, ha dimostrato di essere un grande allenatore». E a proposito di grandi allenatori, complimenti a Davide Nicola ma nessun fioretto su due ruote. «Complimenti al Crotone e a Nicola per l’annata straordinaria, Io in bicicletta non vado più, l’ho presa e lasciata, non è uno sport che fa per me. Troppa fatica, il ciclismo preferisco vederlo in tv».
© RIPRODUZIONE RISERVATA