Juventus, incontro Allegri-Agnelli
domani è il giorno. Che succederà?

Martedì 14 Maggio 2019 di Alberto Mauro
TORINO - L’attesa è finita, domani è il giorno del giudizio. O meglio dell’incontro ufficiale tra il presidente Agnelli e Allegri, faccia a faccia dal quale dipenderà il futuro della Juventus e dell’allenatore. L’avvicinamento è stato piuttosto intenso, tra reciproche certezze venute meno, voci incontrollate di addio imminente le ultime schermaglie mediatiche tra Allegri e Nedved. difficile prevedere l’esito del summit, la sensazione è che ci sia parecchia incertezza su entrambi i fronti, ma anche poche alternative concrete. Agnelli avrebbe continuato con Allegri e lo ha confermato dopo l’Ajax, ha sognato Guardiola e non si è fatto tentare da Conte, sponsorizzato da Nedved e Paratici, convinti a cambiare. I tentennamenti della società hanno minato le certezze di Max, che ha iniziato a guardarsi intorno, forte di un contratto in scadenza nel 2020. L’allenatore si presenterà con richieste chiare: rinnovo, adeguamento dello stipendio e soprattutto rassicurazioni sul progetto tecnico. È proprio questo il nodo della contesa, ben più di contratto e stipendio. “Ho in testa la nuova Juve da sei mesi” le parole del tecnico alla vigilia della Roma. “Difficile migliorare questa Juve” quelle di Nedved. Allegri è pronto a sacrificare alcuni pezzi pregiati della rosa per rinforzi mirati, ma la società deve fronteggiare un bilancio già provato dall’investimento monstre  per Ronaldo. Come finirà? Chi vivrà vedrà. Ultimo aggiornamento: 18:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA