Estate sempre più incerta per l'Inter
Mancini spera ancora nel mercato

Estate sempre più incerta per l'Inter Mancini spera ancora nel mercato
3 Minuti di Lettura
Lunedì 17 Agosto 2015, 20:15 - Ultimo aggiornamento: 20:17
MILANO - Manca meno di una settimana dall'inizio del campionato e per l'Inter si sta concludendo un'estate di incertezze.





Lo scialbo 0-0 di ieri sera al Del Conero con l'Aek Atene ha deluso i tifosi nerazzurri e sono tornati quei fischi che spesso hanno riempito San Siro nelle ultime stagioni. Mancini non si scompone e resta fiducioso nel progetto disegnato per la sua Inter. Ma esclusa la vittoria con l'Athletic Bilbao, l'agosto nerazzurro ha accumulato un pò di nubi all'orizzonte. I nuovi arrivi e gli addii hanno rivoluzionato l'assetto della squadra, il tecnico è alla ricerca del modulo che possa far esprimere al meglio il gruppo, ma la difesa è spesso imprecisa, il centrocampo non illumina e l'attacco fatica a firmare il tabellino.



Anche contro i greci, come contro Bayern, Milan (nella tournèe in Cina), Real Madrid, Galatasaray e Sassuolo, l'Inter è rimasta a secco di gol. La cessione di Kovacic al Real Madrid, poi, aumenta i dubbi di parte del tifo.



La partenza del croato è ormai cosa fatta, i club si stanno scambiando i documenti e a ore dovrebbe arrivare anche l'ufficialità. I 35 milioni di euro più bonus che entreranno nelle casse della società nerazzurra, permetteranno di riequilibrare la situazione economica del club dopo gli importanti investimenti in entrata. Ma a far le valigie è uno dei giocatori più talentuosi in rosa su cui sembrava si dovesse ricostruire la squadra con l'obiettivo di tornare ai fasti del passato. La necessità di fare cassa, oltre ad un amore mai sbocciato tra tecnico e giocatore, ha di fatto firmato la fine dell'esperienza di Kovacic con il numero 10 nerazzurro.



Ora ripartirà l'assalto a Perisic sperando che possa arrivare la sferzata definitiva dopo il lungo corteggiamento e si sarebbero intensificati anche i contatti con il Genoa per Perotti. Piace Criscito, il giocatore sarebbe pronto a sbarcare a Milano, ma c'è da abbassare le pretese dello Zenit che vorrebbe 15 milioni di euro. Non è tramontata neppure la pista Coentrao, ma l'ingaggio superiore ai 5 milioni complica la trattativa. In lista anche Thiago Motta, in rotta col Psg, e Felipe Melo. In difesa Andreolli dovrebbe fare le valigie, come Nagatomo. Movimenti per costruire la nuova Inter, sperando che le nubi all'orizzonte si dissipino già da domenica contro l'Atalanta.
© RIPRODUZIONE RISERVATA