«Una grande festa per tutta Pesaro». Presentate le iniziative per i 125 anni della Vis: la festa il 6 dicembre

«Una grande festa per tutta Pesaro». Presentate le iniziative per i 125 anni della Vis: la festa il 6 dicembre
«Una grande festa per tutta Pesaro». Presentate le iniziative per i 125 anni della Vis: la festa il 6 dicembre
di Thomas Del Bianco
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Novembre 2023, 02:45 - Ultimo aggiornamento: 13:06

PESARO I giocatori della Vis Pesaro arriveranno in Baia Flaminia con il pullman. Intorno a loro si alzeranno le coreografie e i cori dei tifosi biancorossi. Sono alcuni dei momenti che si potranno vivere il prossimo 6 dicembre in occasione della Festa per i 125 anni di storia della società biancorossa. L’appuntamento sarà alle 19,30 all’Hotel Flaminio. Non tutto è stato rivelato ieri in conferenza stampa dal direttore degli affari generali e marketing della Vis Guerrino Amadori sull’evento, che vuole mantenere una parte di sorpresa. 


La grande festa

Di sicuro la sala del Flaminio che ospiterà la serata di gala sarà piena zeppa, con 600 persone, soprattutto invitati, ma anche chi vorrà partecipare alla festa sfruttando i posti ancora disponibili (è possibile rivolgersi al Bar Zongo). Emozioni forti sono attese, tra aneddoti, ricordi, e un video che riavvolgerà il nastro sul lungo percorso biancorosso, che ha attraversato più di un secolo di storia, iniziato nel lontano 1898. «Siamo abituati a festeggiare - ricorda Amadori, accompagnato da Stefano Falghera (Responsabile rapporti società con il territorio) e Christian Romagnoli (Segretario settore giovanile) - lo abbiamo fatto per il centenario, poi in occasione dei 120 anni di storia con una bella mostra, ci è sembrato inevitabile non lasciarci sfuggire questa opportunità, puntando anche sull’esperienza acquisita. L’idea della festa? E’ nata da una situazione di incoraggiamento da parte dei tifosi, che hanno ritrovato il loro equilibrio, la loro unità». 

C’è entusiasmo

L’ambiente è senza dubbio galvanizzato dalla vittoria sul campo della Lucchese, i primi tre punti che i ragazzi di Banchieri hanno strappato finora in campionato lontano dallo stadio Benelli.

E all’orizzonte, prima della festa al Flaminio, c’è il derby contro Rimini, al quale si arriva con una dose di entusiasmo e carica non da poco. Ma la dirigenza biancorossa ci tiene a sottolineare, che questa kermesse biancorossa, va separata dal lato emotivo collegato ai risultati contingenti del campionato in corso, pur tra la soddisfazione generale per questo momento positivo, per abbracciare un orizzonte più ampio, che si snoda fino alle altre società sportive e coinvolge tutta la città. Ed è per questo che Amadori lo rimarca più volte: «Questa è la festa della nostra società ed è la festa della città. Abbiamo invitato la Vuelle, e varie altre società sportive del nostro territorio a questo proposito». 

Tanti ospiti

Parteciperanno, oltre a istituzioni, settore giovanile, dirigenti, staff, tifosi, invitati, anche le vecchie glorie biancorosse: la platea era molto ampia, per arrivare a stringere il cerchio ad una sessantina di vecchie glorie, come racconta Amadori, c’è stato un sondaggio promosso da tifosi e società. Ad aprire la serata, gli interventi dei presidenti Mauro Bosco e Marco Ferri. L’evento sarà presentato da Tomas Nobili, immortalato negli scatti di Rossano Ronci e vedrà un angolo dedicato al merchandising, oltre ad un’esposizione di maglie, cimeli e altri oggetti originali. Non finirà tutto il 6 dicembre, nelle settimane successive «ci saranno mostre, incontri, dibattiti, per ricordare al meglio i nostri 125 anni di vita, qualcosa allestiremo anche allo stadio Benelli, e nel complesso sportivo di Villa Fastiggi, non appena ci trasferiremo. A proposito dello stadio, speriamo entro la fine del campionato di riuscire ad abbattere la recinzione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA