Fermana, il fortino Recchioni alla prova: due gare casalinghe per volare. E oggi chiude la campagna abbonamenti

Fermana, il fortino Recchioni alla prova: due gara casalinghe per volare. E oggi chiude la campagna abbonamenti
Fermana, il fortino Recchioni alla prova: due gara casalinghe per volare. E oggi chiude la campagna abbonamenti
di Lorenzo Attorresi
4 Minuti di Lettura
Giovedì 29 Settembre 2022, 05:25 - Ultimo aggiornamento: 15:42

FERMO Chiude oggi la campagna abbonamenti della Fermana. Ultimo appello ai ritardatari che si stanno perdendo le emozioni del Recchioni: questo pomeriggio, nella sede della casetta rossa, dalle ore 16.30 alle 19.30, si potrà sottoscrivere l’atto di fede per diventare un tutt’uno con gli uomini di Stefano Protti 


Lo slogan


Da domani, “Fermo C’è”… non ci sarà più. Questo lo slogan azzeccato per ripartire in una estate in cui le certezze di esserci davvero non ce n’erano. La società è riuscita però a salvare la Serie C e la città ha risposto sia in termini di biglietti strappati che di entusiasmo. Se lo scorso anno, a meno di clamorose occasioni, si faceva fatica a toccare quota 800 spettatori, ora si viaggia costantemente ben sopra i mille. Più di 800 sono solo gli abbonati. E l’effetto allo stadio si percepisce e poi come. La tribuna laterale ovest rimbomba. In piedi ancora la promozione per abbonarsi in centrale con offerte speciali: 150 euro invece che 300. Ma il tempo stringe. Quasi full la laterale al costo di 70 euro - ridotto (per over 65 e under 25) 50 euro, under 14 20 euro -. Vale la pena, viste le premesse di questa Fermana che è partita benissimo, al di sopra di ogni più rosea aspettativa. 


Doppio turno casalingo


Ed ora il doppio turno casalingo consecutivo può fare ulteriore slancio. Domenica a viale Trento arriva l’Olbia – ore 14.30 – per il primo scontro diretto per la salvezza che si giocherà tra le mura amiche, dopo aver ospitato sino ad ora solo big come Gubbio e Cesena (Recchioni imbattuto). La settimana prossima, poi, sarà la volta della Virtus Entella (domenica ore 17.30), a proposito di grandi squadre, formazione che storicamente è fortissima sul suo campo e un po’ meno in trasferta. In mezzo, però, ci sarà l’impegno di Coppa Italia, un impiccio più che altro. Mercoledì prossimo, ore 15, bisognerà raggiungere Cesena per il primo turno della competizione. Occorre prendere un impegno alla volta. E dunque focus sull’Olbia, squadra che tra l’altro l’anno scorso massacrò la Fermana di Baldassarri alla penultima giornata di regular season – che brutta notte al Recchioni con tanto di contestazione della piazza – condannandola agli aritmetici playout. Che poi finirono come tutti sanno. Il gruppo di Stefano Protti prosegue ad allenarsi senza tarli mentali, forte di una serenità che si è conquistato col lavoro e, è innegabile, con i risultati. Le prove di maturità non finiscono mai. Ora l’Olbia, poi l’Entella, si diceva, quando al Recchioni si terrà l’iniziativa per infiammare ancor di più lo stadio: contro i liguri saranno invitati tutti i ragazzi della provincia, studenti, baby calciatori, contradaioli, rigorosamente gratis, per gremire il catino di viale Trento. Possibile che per l’occasione si possa anche riaprire la curva Duomo, come accadde durante Fermana-Ancona dello scorso marzo. Oppure giovani in tribuna laterale est, come invece capitò in Fermana-Imolese dell’autunno di un anno fa. 


La Coppa


In mezzo, tra Olbia ed Entella, come detto ci sarà la Coppa Italia. Il sorteggio ha unito i canarini al cavalluccio del Cesena: Giandonato & co mercoledì saliranno al Manuzzi. Previsti eventuali supplementari e rigori. Chi passa, martedì 1 novembre dovrà vedersela successivamente con la vincente di Ancona-Rimini in campo avverso. Le superstiti si sfideranno inoltre per ottavi e quarti di finale tra metà novembre e inizio dicembre, per poi arrivare al confronto di semifinale – andata mercoledì 18 gennaio, ritorno mercoledì 15 febbraio – e finale – andata mercoledì 1 marzo, ritorno martedì 11 aprile. Tornando al primo turno, possibile che la Fermana possa utilizzare il contenitore per vedere chi ha giocato un po’ meno. Ma Protti lo deciderà più avanti. Capitolo squalifiche. A seguito dell’espulsione rimediata sabato scorso a Montevarchi, è stata comminata una giornata di stop con multa di 500 euro al preparatore dei portiere della Fermana Stefano Grilli, che al 15’ del secondo tempo ha tenuto una condotta irriguardosa nei confronti dell’arbitro, alzandosi dalla panchina aggiuntiva per dissentire nei confronti di una sua decisione. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA