Il Fano ha il via libera per Gentile dal Foggia e saluta Baldini, passato per ora al Cittadella

Venerdì 15 Gennaio 2021
Federico Gentile dopo un gol segnato con il Foggia

FANO - Federico Gentile è ufficialmente dell’Alma, che ha salutato invece Enrico Baldini destinato in prima battuta al Cittadella in B e forse poi girato in prestito in C dai veneti. La partenza del jolly offensivo ex Ascoli, che nell’anno e mezzo a Fano purtroppo non è riuscito a sbocciare come ci si aspettava, ha in pratica sbloccato la chiusura dell’operazione per l’acquisizione da parte del club granata del trentacinquenne centrocampista romano a pochi giorni dalla gara casalinga col Gubbio.

 

 

Gentile era infatti già aggregato agli ordini di Flavio Destro da martedì, ma si aspettava un movimento in uscita per procedere alla sigla del contratto oltre al via libera del Foggia. Il neo acquisto fanese ha pubblicato un post sul suo profilo Facebook per congedarsi dai satanelli, che con la fascia da capitano al braccio aveva trascinato alla promozione dalla D nella passata stagione dopo aver fatto altrettanto a Como e sempre con un discreto bottino personale di reti. Le ultime righe del suo commiato le ha dedicate alla sua nuova avventura: «Adesso riparto da Fano per dare il mio contributo a una società che mi ha voluto fortemente e che mi ha trasmesso la voglia di ripartire alla grande in una piazza che merita tanto con la voglia di raggiungere l’obiettivo il prima possibile».

Intanto restano sul taccuino di Traini i nomi del centrale difensivo mancino ’96 della Samb Davide Di Pasquale e dell’attaccante ’98 dell’Ascoli Edoardo Tassi, naturalmente non gli unici profili al centro delle trattative in corso. Depennato per l’attacco quello di Michele Emmausso, finito al più ambizioso Lecco, mentre è di difficile realizzazione l’approdo a Fano del centravanti sambenedettese Manuel Nocciolini. Di qui l’impossibilità almeno per il momento di accontentare il bomber Riccardo Barbuti, che avrebbe manifestato il desiderio di andare a Carpi. L’affare si farà solamente una volta pronta una valida alternativa al bomber di Montale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA