Il belga Evenepoel è il nuovo campione del mondo di ciclismo, Van der Poel fermato in questura nella notte

Il belga Evenepoel è il nuovo campione del mondo di ciclismo, Van der Poel fermato in questura nella notte
Il belga Evenepoel è il nuovo campione del mondo di ciclismo, Van der Poel fermato in questura nella notte
di Carlo Gugliotta
2 Minuti di Lettura
Domenica 25 Settembre 2022, 10:25

E' il belga Remco Evenepoel il campione del mondo di  ciclismo su strada 2022. Il giovane corridore belga, a soli 22 anni, riesce a coronare una stagione perfetta portando a casa il titolo iridato dopo aver vinto una classica monumento come la Liegi-Bastogne-Liegi e una grande corsa a tappe di tre settimane come la Vuelta a Espana. Considerato il nuovo Eddy Merckx in terra belga, Evenepoel ha sbaragliato la concorrenza, lanciandosi tutto solo all'attacco a 26 km dal traguardo. E' la seconda medaglia mondiale che il corridore della Quick Step Alphavynil porta a casa dopo quella di bronzo a cronometro. "Da Juniores ho già vinto entrambe le prove iridate - ha spiegato Evenepoel - ma questa vittoria ha tutto un altro sapore. La nostra nazionale ha lavorato da vera squadra, io mi sono lanciato all'attacco mentre Wout Van Aert ha aspettato la volata. Siamo stati perfetti". Delusione in casa Italia in quanto nelle fasi finali Lorenzo Rota era davanti a giocarsi una medaglia, ma il suo gruppo si è studiato troppo ed è stato ripreso dagli altri corridori che sono sopraggiunti alle loro spalle. Il migliore degli azzurri è stato Matteo Trentin, quinto.

L'ultima gara della rassegna iridata di Wollongong, in Australia, è stata preceduta dalla notizia del fermo di Mathieu Van der Poel. Il corridore olandese è stato portato in questura nella notte che ha preceduto la gara mondiale. Secondo quanto ricostruito, due ragazzi di 13 e 14 anni avrebbero bussato ripetutamente alla porta della camera dove Van der Poel stava cercando di dormire. Dopo aver cercato più volte di mandarli via, l'olandese avrebbe spintonato i due ragazzi, che sono andati alla reception a chiamare la polizia. L'olandese è stato portato in questura, gli è stato ritirato il passaporto e ha trascorso un paio d'ore dietro le sbarre. Alle 4 del mattino è potuto tornare in hotel: alle 7 si è preparato per la gara nonostante non avesse dormito per tutta la notte e si è ritirato dopo soli 30 km su 266 previsti. Martedì ci sarà l'udienza davanti al giudice prima del ritorno in patria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA