Djokovic libero, il giudice annulla la revoca del visto. Il fratello: «Vogliono bloccarlo ancora»

Lunedì 10 Gennaio 2022
Djokovic, il giudice annulla la revoca del visto. Ma il governo può ancora espellerlo

Novak Djokovic potrebbe aver vinto la sua battaglia e vede la luce tra lui e il prossimo Australian Open. Il giudice Anthony Kelly ha infatti annullato la revoca del visto da parte delle autorità australiane, bollando come «irragionevole» la decisione di invalidarlo, secondo quanto riporta l'Herald Sun, notizia confermata dai media internazionali.

 

Il giudice ha ordinato il rilascio immediato di Djokovic, al quale era stato temporaneamente concesso di lasciare il Park Hotel dove era confinato da giorni, e la restituzione al tennista serbo del suo passaporto. In particolare, precisa la Bbc, la corte ha deciso che Djokovic può essere rilasciato dopo che il giudice ha constatato irragionevolezza nel modo in cui il responsabile alla frontiera ha preso la decisione di cancellare il visto del tennista. Un avvocato del governo ha tuttavia fatto sapere che l'Australia può ancora ordinare l'espulsione di Djokovic dal Paese.

 

Il fratello: vogliono bloccarlo ancora

 

Secondo il fratello di Novak Djokovic, Djordje, dalle ultime informazioni emergerebbe che le autorità australiane sarebbero orientate a impugnare la decisione del giudice e a ribadire il divieto di ingresso nel Paese per il campione serbo. «Le ultime informazioni dicono che lo vogliono bloccare. Attualmente ci stiamo consultando con gli avvocati», ha detto il fratello del numero uno del tennis mondiale. «Novak è con i suoi legali nella sede del tribunale e esamina tutte le opzioni. È stata una grande sconfitta per le autorità australiane, e per questo accusano il colpo», ha osservato Djordje Djokovic alla tv privata serba Prva. 

Ultimo aggiornamento: 11 Gennaio, 19:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA