Il Napoli stecca al Maradona: contro il Lecce finisce 1-1. Deludono Raspadori e Ndombele

Diretta Napoli-Lecce, le formazioni ufficiali: Spalletti lancia Raspadori, Lobotka riposa
Diretta Napoli-Lecce, le formazioni ufficiali: Spalletti lancia Raspadori, Lobotka riposa
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 31 Agosto 2022, 19:58 - Ultimo aggiornamento: 22:53

Il Napoli non va oltre il pari al Maradona contro un buon Lecce, che risponde con Colombo al gol di Elmas. Finisce 1-1 ed è un risultato amaro per il pubblico di casa, mentre i tifosi salentini possono credere a buona ragione nella salvezza. Spalletti fa turnover, passa al 4-2-3-1 e cambia sei titolari rispetto alla partita di Firenze. In difesa debutta Ostigard, a sinistra c'è Olivera, in mediana Ndombele. Sulla tre quarti, con Politano a destra ed Elmas a sinistra, comincia dall'inizio Raspadori dietro il centravanti Osimhen. Anche Baroni cambia qualcosa rispetto alla sfida con l'Empoli. Nel 4-3-3 del Lecce c'è spazio per Pezzella centrale di difesa con Baschirotto, mentre Gendrey e Tuia sono i terzini. Cabina di regìa affidata a Hjulmand, nel tridente giostrano  Di Francesco e Banda, mentre Colombo è la prima punta.

La partita

Sin dai primi minuti il Napoli appare slegato, con troppa distanza tra i reparti. Raspadori s'impegna ma non trova una precisa collocazione tattica, Ndombele deve registrare i ritmi, Politano ed Elmas non pungono. Di palloni per Osimhen ne arrivano pochini, in compenso è il Lecce a spingere: al 19' Colombo da fuori chiama in causa Meret. Il primo tiro in porta del Napoli arriva su uno schema da corner, due minuti dopo: Raspadori si accentra e spara a rete, Falcone smanaccia oltre la traversa. Al 25' è un'indecisione di Ndombele, in ritardo su Di Francesco in area, a regalare ai salentini una chance dagli undici metri. Sul dischetto va lo stesso Di Francesco che insacca, ma l'arbitro Marcenaro fa ripetere perché non aveva ancora fischiato. L'attaccante del Lecce ci riprova, ma il suo rasoterra alla sinistra di Meret è respinto dal portiere, osannato dai 40mila del Maradona. Ribaltamento di fronte ed è il Napoli a passare. Olivera sfonda a sinistra e mette in mezzo, Osimhen imbecca Politano che cicca il tiro, ma spunta Elmas che insacca da due passi. Pronta la reazione della squadra di Baroni, che ci mette 4' a pareggiare. Da applausi il sinistro dalla lunga distanza di Colombo, che s'insacca proprio nel sette dove Meret non può arrivare. Il Napoli prova a riorganizzarsi, ma prima dell'intervallo rischia di andare sotto: Baschirotto di testa, su corner dalla destra, manca il bersaglio di un soffio. Spalletti torna all'antico dopo l'intervallo: fuori Ndombele e Raspadori, dentro Lobotka e Zielinski. Nel Lecce c'è Gonzalez al posto di Helgason. Dopo 11' entra anche Kvaratskhelia per Elmas, gli azzurri guadagnano metri ma non sfondano. Baroni inserisce forze fresche (Blin e Strefezza per Askildsen e Di Francesco, poi Ceesay per Colombo) e il Lecce continua a difendersi senza troppi affanni: Osimhen di testa e Politano di sinistro non centrano il bersaglio. Spalletti lancia pure Lozano, che regala dribbling e fantasia a un Napoli spento, e Simeone per dare ulteriore peso all'attacco. Il finale è un assalto dei padroni di casa. Ma infruttuoso. Falcone dice di no a Di Lorenzo, Osimhen conclude alto di testa. Finisce 1-1. Un punto d'oro per il Lecce, due punti persi per il Napoli.

Le formazioni ufficiali

Napoli (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Ositagard, Kim, Olivera; Anguissa, Ndombele; Politano, Raspadori, Elmas; Osimhen. All. Spalletti.

Lecce (4-3-3): Falcone; Gendrey, Tuia, Baschirotto, Pezzella; Gonzalez, Hjulmand, Askildsen; Strefezza, Ceesay, Di Francesco. All. Baroni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA