Coronavirus, denunciati giocatori serbi: tra questi anche Jovic e l'ascolano Ninkovic

Giovedì 19 Marzo 2020

I calciatori serbi Luka Jovic del Real Madrid e Nikola Ninkovic dell'Ascoli avrebbero violato l'obbligo dell'autoisolamento dopo essere tornati in Serbia, e sarebbero stati per questo denunciati dalle forze dell'ordine sulla base delle nuove norme emanate per contenere la diffusione del coronavirus. Lo riferiscono oggi i media serbi. Jovic in particolare, si precisa, avrebbe abbandonato la quarantena dei Blancos a Madrid e sarebbe giunto in Serbia per festeggiare il compleanno della sua ragazza Sofija Milosevic. A criticare il ritorno in patria in questo periodo di epidemia di alcuni calciatori che hanno contratti milionari all'estero, e che non osservano l'obbligo dell'autoisolamento, era stata ieri sera la premier serba Ana Brnabic, che non aveva fatto tuttavia nomi. Il ministro dell'interno Nebojsa Stefanovic ha confermato la denuncia penale nei confronti di alcuni sportivi, senza indicarne l'dentità. «Abbiamo denunciato anche alcuni noti esponenti dello sport. Costoro ne risponderanno dinanzi ai giudici», ha detto.

LEGGI ANCHE:

C'è anche una buona notizia: «Abbiamo il primo paziente estubato» 

Ultimo aggiornamento: 11:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA