Coronavirus, dopo 70 giorni domani torna la Bundesliga. Primo campionato europeo che riparte

Venerdì 15 Maggio 2020
​Coronavirus, dopo 70 giorni domani torna la Bundesliga. Primo campionato europeo che riparte

BERLINO - Settanta giorni dopo. Un’eternità, o quasi. La Bundesliga domani torna in campo. Il primo grande campionato europeo a mettersi in moto cercando di dimenticare il coronavirus. Non sarà facile, ma in Germania ci provano. Sarà una ripresa diversa. Senza pubblico, parte integrante dello spettacolo. Ma anche così si torna a respirare un po’ di normalità. Da tutto il mondo, come già anticipato nelle scorse ore da Rumenigge, seguiranno la ripresa del campionato tedesco. Manca troppo il calcio. Ma finalmente ci siamo, evviva.

LEGGI ANCHE:

L'Inter, la decisione clamorosa: il 18 non andrà in ritiro: «Protocollo non applicabile». E non è la sola
 
SI GIOCA LA GIORNATA NUMERO 26
 Turno spalmato in 3 giorni, da domani a lunedì con il monday night che vedrà impegnati Werder Brema e Leverkusen. Ma gli occhi di tutti saranno puntati sul 180esimo derby della Ruhr tra Borussia Dortmund e Shalke 04. Negli ultimi otto incontri i gialloneri di Favre hanno avuto la meglio sui cugini solamente una volta. Ma domani potranno contare sul Haaland che da solo, dopo la sosta invernale tedesca, ha segnato più del totale dei gol dello Shalke (9 vs 4). Sarà un’occasione importante per avvicinare il Bayern Monaco, primo in classifica con 4 punti di vantaggio, che sarà impegnato domenica pomeriggio sul campo dell’Union Berlino. Sarà ancora Lewandowski il trascinatore? È assai probabile, anche perché il bomber polacco è apparso molto in forma in questo mese di preparazione. Il Lipsia di Schick invece ospiterà il Friburgo. Prima dello stop forzato la squadra di Nagelsmann (accostato al Milan nelle ultime ore) non stava attraverso un buon momento. Solamente 2 vittorie nelle ultime sette. Ma nonostante questo è solamente ad un punto dal Dortmund (51 vs 50). Occhio anche al Monchengladbach, che è lì a quota 49, impegnato sul campo del Francoforte. La squadra di Wendt non ha mai tenuto un passo così spedito negli ultimi 37 anni. Un ruolino di marcia impressionante tenendo conto della qualità della rosa. Difficile capire se riuscirà a continuare così, anche perché le variabili al momento sono troppe.
 
LE ALTRE SFIDE
 Domani pomeriggio in campo anche Hoffenheim-Herta Berlino, Dusseldorf-Paderborn e Ausburg-Wolfsburg. Mentre domenica, prima dei campioni di Germania del Bayern (18:30), aprirà le danze nel pomeriggio il Colonia contro il Mainz (15:30) . Come detto invece lunedì (20:30) Werder-Leverkusen chiuderà la giornata. 
 
IL CASO FISCHER
 L’allenatore del’Union Berlino domenica non potrà sedere sulla panchina della sua squadra. Il tecnico infatti ha dovuto lasciare il ritiro per tornare in Svizzera. Le condizioni di salute di un familiare lo hanno costretto al viaggio. L’Union quindi sarà guidato dal suo vice, visto che al momento non ci sono i tempi per il doppio tampone negativo per chiudere la quarantena obbligatoria dopo il rientro da un’altra nazione. 

Ultimo aggiornamento: 12:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA