Chris Evert ha un tumore, operata: «Diagnosi fatta in tempo, ora la chemioterapia». Come sta l'ex tennista

L'annuncio della diagnosi di recidiva della tennista vincitrice di 18 tornei Slam, tra il 1974 e il 1986

Chris Evert ha un tumore, operata: «Diagnosi fatta in tempo, ora la chemioterapia»
Chris Evert ha un tumore, operata: «Diagnosi fatta in tempo, ora la chemioterapia»
2 Minuti di Lettura
Sabato 9 Dicembre 2023, 15:19

Chris Evert ha di nuovo il tumore. La vincitrice di 18 tornei Slam, tra il 1974 e il 1986, ha annunciato ieri di aver ricevuto una diagnosi di recidiva del cancro e, per questo, si sta sopponendo a un altro ciclo di chemioterapia. «Sebbene questa sia una diagnosi che non avrei mai voluto sentire, mi sento ancora fortunata che sia stata presa in tempo», ha raccontato a ESPN l’ex grandissima tennista. Che rivela: «Sulla base di una TAC PET, la settimana scorsa sono stata sottoposta a un altro intervento chirurgico robotico. I medici hanno trovato cellule cancerose nella stessa regione pelvica».

La Evert, 68 anni, ha dichiarato nel gennaio del 2022 che le era stato diagnosticato un cancro alle ovaie. Sua sorella minore, Jeanne Evert Dubin, è morta per la stessa malattia nel febbraio 2020 all’età di 62 anni. La campionessa statunitense ha aggiunto che si allontanerà dal suo ruolo di commentatrice della ESPN e che “non sarò a Melbourne per l’Australian Open con i colleghi”, ma ha detto che sarà “pronta per il resto della stagione del Grand Slam”.

CHI È CHRIS EVERT

Evert è stata una figura dominante nel tennis femminile degli anni ’70-’80. È stata capace di conquistare 157 titoli WTA in singolare e di raggiungere almeno le semifinali in 52 dei 56 tornei del Grand Slam in cui ha giocato.

Fra le sue qualità, il rovescio a due mani e la precisione dalla linea di fondo, doti che hanno influenzato generazioni di giocatrici. Per non parlare della sua rivalità con Martina Navratilova, che si è protratta dal 1973 al 1988, 14 finali Slam comprese.

Il test genetico

La 68enne americana ha scoperto attraverso un test genetico di essere a rischio di cancro. «La diagnosi precoce è fondamentale - ha detto la Evert -. Incoraggio tutti a conoscere la propria storia familiare e a farsi carico di se stessi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA