Cagliari-Sampdoria 3-1, i sardi vincono la prima partita in stagione nel segno di Joao Pedro

Domenica 17 Ottobre 2021 di Francesco Caruso
Cagliari-Sampdoria 3-1, i sardi vincono la prima partita in stagione nel segno di Joao Pedro

Prima vittoria stagionale per il Cagliari, i sardi battono per 3 a 1 la Sampdoria, agganciano i genovesi e abbandonano l'ultimo posto in classifica. Di Joao Pedro al 4' e al 94' e di Caceres al 74' le reti dei rossoblù, di Thorsby all'82' la rete dei blucerchiati.

 

 

Il Cagliari centra la prima vittoria in stagione. Joao Pedro trascina i sardi al 3-1 contro la Samp

Tre punti per rimanere "a galla" e riprendere ossigeno, il Cagliari aveva come unico obiettivo la vittoria. Troppi i punti persi in casa negli scontri diretti, lo sapeva bene anche Walter Mazzarri che, approfittando della sosta, ha fatto svolgere ai suoi giocatori una mini preparazione. Pre-tattica alla vigilia sulla formazione: Caceres, Nandez e Godin nonostante il volo transoceanico, tra gli undici titolari. Discorso simile per la Sampdoria di Roberto D'Aversa, che nonostante le buone prestazioni offerte sta appena sopra la "danger zone" con sei punti e con la necessità di tenere proprio i sardi a distanza. La bella vittoria di Empoli, il copione perfetto al quale rifarsi per tentare un altro "colpo" esterno e navigare in acque tranquille. 

I rossoblù sono partiti subito fortissimo con tre corner nei primi due minuti, ma soprattutto con il gol che al quarto ha sbloccato il match. Una settimana a parlare di grinta, voglia di arrivare per primi sul pallone recepita da Dalbert che dopo aver rubato palla si è proposto al tiro: rimpallo con Keita che dal fondo ha messo dentro per Joao Pedro per un facile appoggio di testa. Esultanza differita per i giocatori del Cagliari ma non per Mazzarri che ha dimenticato subito il passato blucerchiato e ha esultato con i pugni chiusi: dopo due minuti di lancetta il Var ha levato ogni dubbio: rete regolare.

La Sampdoria non è stata a guardare ma la reazione è durata appena dieci minuti con il palo di Candreva apice di un forcing che non ha portato frutti. Proprio l'ex Inter si è confermato il più in forma per i genovesi con Diego Godin che ha dovuto mettere in campo tutta la sua esperienza: l'uruguaiano non è stata l'unica nota lieta nella difesa dei sardi, concentrata e cattiva. Il primo tempo ha premiato il Cagliari anche grazie all'intesa crescente tra Joao Pedro e Keita Balde, l'altro ex del match, conteso a fine agosto proprio da sardi e blucerchiati.

Secondo tempo che è partito con una Sampdoria determinata anche grazie all'ingresso in campo di Francesco Caputo che ha ispirato i compagni. Nonostante le buone intenzioni tuttavia i genovesi non sono riusciti a concretizzare contro un Cagliari che ha "barcollato" ma non ha mollato in difesa: dentro anche Ceppitelli per Godin. Blucerchiati comunque ben guidati in regia da Adrien Silva e con il trio Caputo-Quagliarella-Candreva sempre pronti a mordere, ma è mancata l'ultima "zampata" e la rete l'ha segnata ancora la squadra di Mazzarri. Sudato, sofferente, cronometro in mano, l'ex Sampdoria ha visto concretizzare il lavoro di un mese al 72' con la rete dell'uruguaiano Caceres: bomba da fuori area che si è infilata sotto l'incrocio sugli sviluppi di un corner. Grandi colpe sul gol del norvegese Thorsby che all'82' ha riaperto solo temporaneamente le speranze della squadra di D'Aversa. Al 94' infatti, dopo 16 minuti di sofferenza, Joao Pedro ha chiuso i conti: tre a uno per i rossoblù il risultato finale. 

Prima vittoria stagionale per il Cagliari, voluta, sudata e strappata a una Sampdoria comunque sempre in partita: i sardi si mettono per il momento alle spalle Genoa, Venezia e Salernitana e abbandonano l'ultimo posto in classifica.
 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA