Bolt, il fulmine è tornato in pista
Usain corre e vince i 200 in 20.20

Domenica 12 Aprile 2015 di Carlo Santi
Bolt, il fulmine è tornato in pista Usain corre e vince i 200 in 20.20

KINGSTON - Il Fulmine è tornato. Usain Bolt è di nuovo in pista e dopo qualche esibizione, perché tale è stata, con la 4x100 e nei 400 metri, eccolo in gara nei 200 metri. La sua distanza non la correva da venti mesi, La sua distanza non la correva da venti mesi, esattamente dalla finale, da lui vinta, dei Mondiali di Mosca del 2013. Usain Bolt, che era stato annunciato solo poche ore prima della gara, alle 3 della notte italiana si è cimentato sulla pista di Kingston, nella sua Giamaica, e durante l’Utech Classic, ha chiuso in 20.20 con un leggero vento contrario di 2,2 metri. esattamente dalla finale, da lui vinta, dei Mondiali di Mosca del 2013. Usain Bolt, che era stato annunciato solo poche ore prima della gara, alle 3 della notte italiana si è cimentato sulla pista di Kingston, nella sua Giamaica, e durante l’Utech Classic, ha chiuso in 20.20 con un leggero vento contrario di 2,2 metri.

La performance, a un centesimo dal top mondiale del 2015, il connazionale Julian Forte, per Bolt è certamente modesta, ma la strada del recupero del primatista del mondo (19.19) sembra imboccata.

Dopo un 2014 di totale riposo anche per via degli infortuni, Bolt ieri ha gareggiato senza rivali. Del resto, Nesta Carter, secondo, ha ottenuto un modestissimo 20.60. Bolt all’uscita della curva era nettamente al comando e nel rettilineo le immagini lo mostrano controllare senza sforzo la gara con un’azione non certo brillante, ossia quella dei giorni migliori. «Adesso studierò il video della gara – ha spiegato ai giornalisti presenti allo stadio Nazionale - per capire se ho commosso degli errori. Certo, non posso dire sia stata una gara perfetta la mia. Ma per ritrovarmi ho bisogno di gareggiare». E domenica prossima il Fulmine correrà un 100 sul pistino realizzato sulla spiaggia di Copacabana, a Rio de Janeiro.

Dopo, il 2 e 3 maggio, sarà a Nassau, alle Bahamas, per i Mondiali di staffette. La sua stagione, per ora, prevede Quindi i meeting di New York (13 giugno), di Parigi (4 luglio) e di Losanna (9 luglio). Ci sono altre trattative, e tra queste anche quella per gareggiare al Golden Gala di Roma il 4 giugno.

Ultimo aggiornamento: 13:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA