Atalanta-Spezia 5-2: Nzola illude Thiago Motta, super Pasalic non perdona

Atalanta-Spezia 5-2: Nzola illude Thiago Motta, super Pasalic non perdona
Atalanta-Spezia 5-2: Nzola illude Thiago Motta, super Pasalic non perdona
di Paolo Vavassori
3 Minuti di Lettura
Sabato 20 Novembre 2021, 17:30

L'Atalanta torna a correre anche in casa. La vittoria in campionato a Bergamo mancava da due mesi, dal 21 settembre contro il Sassuolo. Ma oggi pomeriggio, dopo una sbandata iniziale, per lo Spezia non c'è stato scampo. Una doppia correzione del Var è andata a vantaggio dei nerazzurri in occasione del sorpasso. Ma la differenza di valori in campo è stata evidente. Soprattutto nel confronto tra la front line nerazzurra e la linea difensiva ligure. Decisivi gli inserimenti del trequartista incursore Pasalic, che già nella passata stagione aveva realizzato una doppietta a Bergamo contro lo Spezia. Ma anche lo strapotere fisico di Zapata, imprendibile in progressione.

Lo Spezia ha cercato di stare in partita il più possibile e anche nella ripresa ha provato a farsi vedere nella metà campo avversaria affidandosi soprattutto ai lampi di Nzola. Però il 5-2 finale è impietoso e riflette la supremazia nerazzurra e la capacità dell'Atalanta di incidere sempre in attacco.

Atalanta-Spezia 5-2: Nzola illude Thiago Motta, super Pasalic e Zapata non perdonano

Doccia gelata in avvio per l'Atalanta. Al minuto 11' Verde carica il mancino da fuori area, Musso devia sulla traversa, rimane spiazzato sul rimbalzo del pallone e Nzola insacca. L'Atalanta però si rialza subito e sei giri di lancette più tardi si rimette in carreggiata: Zappacosta straripa a destra e crossa, Zapata va a vuoto, Pasalic no, e insacca di prima intenzione nel cuore delle retrovie dello Spezia. L'Atalanta insiste, ma anche lo Spezia si fa vedere nell'area avversaria con una percussione di Nzola, arginato prima di battere a rete.

Al 33' Maehle sfonda a destra e calcia col pallone che rimbalza sulla mano di Sala, probabilmente dopo aver sfiorato il piede del centrocampista. L'arbitro, dopo aver rivisto l'azione in campo, concede il penalty. Zapata lo sbaglia tirando addosso a Provedel, ma l'arbitro lo fa ribattere richiamato dal Var (Erlic che rinvia dopo la respinta del portiere dello Spezia è dentro la linea dell'area un attimo prima della battuta di Zapata). E Zapata, di fronte ad una insperata seconda chance, non perdona. Il doppio colpo del Var probabilmente sfianca nel morale lo Spezia e l'Atalanta dilaga. Al 41' Zapata devasta la difesa avversaria in progressione e serve al centro Pasalic che da quella posizione è implacabile: 3-1.

Nella ripresa l'Atalanta controlla i ritmi e al 17' sfiora il poker con una rasoiata di Zappacosta respinta da Provedel. Pochi minuti più tardi è Musso ad opporsi sul fronte opposto sulla conclusone ravvicinata di Nzola. Lo Spezia punge, ma l'Atalanta è in pieno controllo e al 38' cala il poker con una girata di Muriel. E lo show non finisce qua. Al 44' una sassata di Malinovskyi piega le mani di Provedel. E al 46' Nzola fissa il 5-2 Atalanta a raffica sullo Spezia e di nuovo vincente in casa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA