Ascoli, ancora scintille Bucchi-tifosi: clima di alta tensione

Fabio Cannavaro e Christian Bucchi prima di Benevento-Ascoli
Fabio Cannavaro e Christian Bucchi prima di Benevento-Ascoli
di Matteo De Angelis
4 Minuti di Lettura
Martedì 4 Ottobre 2022, 03:55 - Ultimo aggiornamento: 09:08

ASCOLI - Vincere contro il Modena, per provare a disinnescare la miccia di una bomba pronta a esplodere. Il pari di domenica contro il Benevento ha portato con sé numerosi strascichi polemici. E questo nonostante la buona prestazione fornita dai bianconeri e sono usciti dal campo applauditi dai 177 tifosi presenti nel settore ospiti, rammaricati solo dal mancato raddoppio entro il 45’ che avrebbe potuto indirizzare i tre punti verso il Piceno. Una prova gagliarda e coraggiosa, con l’Ascoli ben messo in campo con il nuovo 3-5-2 apparso solido ed efficace, macchiata però da quanto accaduto al triplice fischio. 

 

Quando la squadra è andata verso i supporters bianconeri per ringraziare del sostegno avuto durante tutta la gara, nonché per i km macinati, il tecnico Bucchi ha infatti battibeccato a distanza con qualche tifoso presente sui gradoni del Vigorito. Neppure troppo difficili da decifrare i gesti del mister bianconero, che – per usare un eufemismo - ha sottolineato di “avere gli attributi”. Una risposta alle polemiche scaturite nella gara contro il Parma, quando il dito era stato puntato contro l’allenatore, reo di non aver accompagnato la squadra sotto la Curva Nord a prendersi i (meritati) fischi da parte dei tifosi delusi per la sconfitta casalinga. E così, al Vigorito, in pochi secondi si è passati dagli applausi verso il gruppo a qualche scintilla di troppo scaturita dall’atteggiamento dell’allenatore bianconero. I gesti di Bucchi sono stati immortalati anche da un video che ha fatto il giro tra i cellulari dei tifosi. «Ci vuole rispetto per chi macina centinaia di km per seguire la squadra, è inaccettabile un simile comportamento» le parole di Luca Passaretti. 

«Atteggiamento presuntuoso e inopportuno, anche perché la tifoseria stava applaudendo i ragazzi per la bella prestazione fornita su un campo difficile» l’eco di Stefano Massi. E se in tanti hanno criticato il mister per un gesto che, soprattutto in quel contesto, è parso francamente inopportuno, c’è però chi ha esagerato. Al Picchio Village è infatti comparsa la deprecabile scritta “Bucchi verme”, dalla quale si sono dissociati praticamente tutti i tifosi bianconeri: «Una scritta del genere è inaccettabile» il commento di Paolo Alessandrini, «datevi una regolata, questo è veramente vergognoso» il messaggio di Marisa Ballatori.

«Nessuna giustificazione scagiona l’autore di questa scritta né chi la condivide, piena solidarietà a Bucchi» la chiosa di Mauro Mindoli. La scritta, anonima, non è da associare ad alcun gruppo organizzato della tifoseria bianconera, che invece – in maniera dura ma comunque sempre schietta e leale – ha avuto un confronto con il gruppo squadra, il direttore sportivo Valentini e lo stesso tecnico Bucchi. Una delegazione degli Ultras 1898 si è infatti recata al Picchio Village per fare il punto su quanto accaduto in questo inizio di stagione. Dai buoni risultati in avvio alle due sconfitte pre-sosta, passando per i comportamenti avuti dal mister nel finale di gara di Benevento fino ad arrivare alla prossima sfida contro il Modena. Perché, almeno su questo, tutti sono d’accordo: contro i canarini gialloblù non si potrà fallire. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA