L'Ascoli perde Dionisi: stiramento a un polpaccio, dovrà fermarsi almeno due settimane

Giovedì 20 Gennaio 2022
Federico Dionisi durante una partita dell'Ascoli

ASCOLI L’Ascoli perde Federico Dionisi per infortunio. Il capitano bianconero dovrà restare fuori per almeno due settimane a causa di uno stiramento di primo grado a un polpaccio. All’inizio si temeva uno stop molto più lungo, ma sembra che l’infortunio sarebbe meno grave del previsto. L’attaccante si è fermato nel corso dell’allenamento di mercoledì, ma tutto è rimasto top secret fino a quando la voce non ha iniziato a circolare in città. Il capitano salterà, oltre all’imminente partita di Cosenza in programma domani allo stadio San Vito-Marulla, anche quella successiva, ovvero la seconda del girone di ritorno contro il Perugia, prevista sabato 5 febbraio.

Ad aiutare il rientro in campo del capitano c’è il fatto che il 29 gennaio il campionato di Serie B osserverà un turno di stop e quindi si tornerà a giocare il 5 febbraio: questo consentirà all’Ascoli di poter recuperare il bomber di Rieti e fare in modo che salti solo le prossime due partite e magari poter essere in campo contro il Como sabato 12 febbraio, nella seconda di due partite casalinghe che l’Ascoli disputerà il prossimo mese, se non addirittura nella successiva trasferta di Benevento del 15 febbraio.

I tempi di stop che riguardano uno stiramento di primo grado variano dai quindici ai venti giorni, ma c’è da tenere conto poi anche del recupero della condizione fisico-atletica. Davvero uno strano scherzo del destino per Dionisi, assente già a Terni perché squalificato: nel girone di andata è stato uno dei bianconeri con maggiori presenze, ha cantato e portato la croce nel reparto avanzato e realizzato 7 gol, poi è arrivata la giornata di squalifica e adesso questo infortunio che non ci voleva. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA