Tifosi dell'Ancona perplessi dopo il viaggio dell’ad Nocelli in Oriente che non ha (ri)portato nessuna certezza

Tifosi dell'Ancona perplessi dopo il viaggio dell’ad Nocelli in Oriente che non ha (ri)portato nessuna certezza
​Tifosi dell'Ancona perplessi dopo il viaggio dell’ad Nocelli in Oriente che non ha (ri)portato nessuna certezza
di Roberto Senigalliesi
4 Minuti di Lettura
Domenica 12 Maggio 2024, 06:55 - Ultimo aggiornamento: 13 Maggio, 08:32

ANCONA Si aspettavano di più i tifosi dal viaggio di Roberta Nocelli a Hong Kong. Non le solite parole di circostanza da parte dell’Ad ma fatti concreti e, soprattutto, dichiarazioni del presidente Tiong rispetto agli impegni su squadra, società ed investimenti. Invece il futuro dell’Ancona rimane nel limbo in attesa, una volta per tutte che il presidente faccia chiarezza e dia inizio ad una vera e propria rifondazione, societaria e tecnica. 


«Tiong si deve decidere»


«Mi sembra che l’ultimo comunicato della società - afferma uno degli storici supporter dorici Daniel Montanino - sia stato scritto solo per far rimanere in attesa la tifoseria. Ci vogliono certezze e parole concrete, specialmente da parte del presidente. Penso che tutto giri attorno all’assetto societario. Sono sei mesi che assistiamo a questa telenovela che noi tifosi conosciamo bene e di cui avremmo voluto volentieri fare a meno. E’ il momento di decidere perché anche se il campionato è finito da poco ce n’è un altro da organizzare nei minimi particolari partendo con il piede giusto, parlando subito di obbiettivi da ottenere. Personalmente sono favorevole alla conferma di Boscaglia, tecnico preparato ed ambizioso. Con lui si avrà la certezza che la squadra sia carica almeno a livello psicologico. Più forte di quella di quest’anno dal punto di vista tecnico, se Tiong manterrà la promessa». 


«Definire i ruoli»


«Secondo me quelle emerse ieri dalla società sono parole interlocutorie - il parere di Eros Giardini dei Cuba - Bisogna andare al nocciolo della questione: definire con certezza ruoli e competenze in società e non continuare con queste due anime che non portano a niente. Magari con un confronto a viso aperto, guardandosi negli occhi, con una stretta di mano. In ogni caso bisogna fare in fretta, per non ricadere negli errori del passato. E Tiong deve sbrigarsi a dare la linea. Serve subito un ds, un organigramma con poteri ed attribuzioni. Non bisogna avere separati in casa. Dal punto di vista tecnico penso che mister Boscaglia sia l’allenatore giusto per ripartire con un progetto solido e vincente.

Già quest’anno in poco tempo è riuscito a trasformare e rivitalizzare la squadra». «Secondo il mio parere ancora niente di nuovo - afferma un altro tifoso di vecchia data come Bruno Cardilli –. Spero che presto il presidente Tiong dia quella marcia in più che serva fare chiarezza ed a spezzare la lentezza societaria. I tempi già stringono e ci sono tante cose da fare. Direttore sportivo, conferma di Boscaglia (che reputo sia la persona giusta), allestimento dell’organico con rinnovo degli elementi più importanti. E poi una definitiva definizione dei ruoli societari. Nocelli-Ripa? Non conosco le dinamiche interne ma sicuramente è una questione che andrà affrontata con decisioni importanti ed opportune».


«Dalle parole ai fatti»


Un altro che ha da tempo i colori biancorossi nel cuore e Cico Lazzarini. «Qualcosa si muove ma ancora non basta. Si deve passare dalle parole ai fatti. E soprattutto ci vogliono risposte precise da parte della società. Personalmente confermerei sia Roberta Nocelli che Boscaglia (in 5 giornate ha ribaltato l’organico ed ottenuto una salvezza che non era per nulla scontata). Ma, secondo me, il dualismo fra la Nocelli e Ripa non ha ragione di esistere. Occorre una precisa definizione dei ruoli e soprattutto mettere una persona in loco che possa prendere decisioni con quella tempestività che il presidente Tiong non può assicurare, visto gli impegni e la lontananza. Per quanto riguarda la prossima stagione sono comunque fiducioso: la storia insegna che dopo un campionato sofferto ne arriva uno pieno di soddisfazioni. Speriamo sia così anche questa volta». Infine Angela Ausili di Noi Biancorosse. «Secondo me l’ultimo comunicato non chiarisce nulla perché mancano le dichiarazioni che contano. Quelle del presidente Tiong. Siamo in attesa di sentire direttamente le sue parole. E soprattutto deve dare una precisa definizione dei ruoli in società. Il dualismo Nocelli-Ripa non si deve più ripetere. Ognuno al suo posto e soprattutto una persona in grado di prendere le decisioni maniera tempestiva». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA