Paponi e Tulli non perdonano
L'Ancona corre e sogna i playoff

Paponi e Tulli non perdonano L'Ancona corre e sogna i playoff
3 Minuti di Lettura
Domenica 18 Gennaio 2015, 18:16 - Ultimo aggiornamento: 20 Gennaio, 15:57

ANCONA - Prosegue il momento magico dell'Ancona.

I biancorossi hanno battuto 2-0 al Del Conero la quotata Reggiana e adesso sognano i playoff.

Una domenica da ricordare per i dorici: ha sbloccato il risultato un gol di Paponi al 13' della ripresa. Dieci minuti dopo il raddoppio di Tulli. E' stata una vittoria netta e meritata quella dei biancorossi di Cornacchini, che così facendo hanno fatto un bel favore ai cugini dell'Ascoli, impedendo alla Reggiana di raggiungere i bianconeri in testa alla classifica.

L'Ancona ha rotto decisamente gli indugi nella ripresa, dopo che il primo tempo era stato equilibrato e povero di occasioni da rete da entrambe le parti.

Dopo l'intervallo invece Cornacchini ha sostituito il centrocampista Parodi con l'attaccante Paponi e la mossa ha spiazzato gli emiliani, che sono andati subito in apnea. Logica conseguenza della superiorità dei dorici il gol segnato di testa in tuffo da Paponi, su calcio di punizione dalla destra. con la Reggiana alle corde l'Ancona non si è fermata e al 24' Tulli ha segnato il sesto gol del suo campionato con un bel tiro da 20 metri, per la verità colpevolmente lasciato passare dal portiere ospite. Neanche nel finale la squadra di Cornacchini ha mollato la presa ed è andata un paio di volte vicina al gol del 3-0, mentre la Reggiana non è stata praticamente mai pericolosa. Alla seconda giornata di ritorno l'Ancona sale a quota 32, a soli 4 punti dalla zona playoff e addirittura a soli 6 punti dalla capolista Ascoli. A proposito di capolista si può dire che alla quarta giornata di andata l'Ancona aveva appena 2 punti in classifica, 6 in meno dell'Ascoli che ne aveva 8. Nelle diciassette giornate successive le due squadre hanno fatto lo stesso bottino (30 punti) ed ora in classifica le dividono gli stessi 6 punti: 38 per l'Ascoli, 32 per l'Ancona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA