L'Ancona si prepara per Venezia
Sarà il primo di tre impegni esterni

L'Ancona in azione fuori casa
L'Ancona in azione fuori casa
2 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Febbraio 2017, 19:19 - Ultimo aggiornamento: 5 Febbraio, 15:03

ANCONA - Archiviato il mese di gennaio che ha rivoluzionato la rosa con 8 arrivi e 9 partenze, l’Ancona si proietta sulla dura trasferta di domenica (ore 14.30) a Venezia. Sarà il primo di tre impegni esterni in sette giorni riservati dal calendario che prevede per il mercoledì 8 (ore 14.30) il match di Teramo valido per i quarti di finale di Coppa Italia Lega Pro e per domenica 12 lo scontro salvezza di Modena, anticipato alle 14.30 in seguito agli accordi tra le due società. In casa della capolista Brini varierà di nuovo il modulo dopo l’esperimento poco soddisfacente del rombo adottato contro la Maceratese. Se il tecnico biancorosso dovesse optare per il 4-3-3, Bariti verrebbe rispolverato sulla fascia destra, Frediani tornerebbe al ruolo consueto di esterno sinistro e solo uno tra gli attaccanti Momentè, Del Sante e Paolucci giocherebbe titolare. In mediana Vitiello avrebbe il compito di illuminare la manovra, Zampa e Agyei quello di recuperare palloni. Se invece la scelta dovesse ricadere sul 4-4-2, Bariti e Frediani scalerebbero sulla linea dei centrocampisti, Vitiello partirebbe dalla panchina e solo una punta di ruolo verrebbe sacrificata. Entrambe le soluzioni sono state sperimentate nella partitella in famiglia di oggi pomeriggio a Offagna, alla quale hanno partecipato tra le riserve anche gli ultimi arrivati Cacioli, Nicolao e Mancini.
In casa Venezia il mercato ha allargato il ventaglio di soluzioni per Inzaghi che può contare su tre frecce in più: Caccavallo, Zampano e Falzerano. La rosa lunga comporterà l’inserimento fuori lista di un giocatore eccellente: il candidato sembra l’esperto regista ex Ascoli Pederzoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA