Sanzioni ad Abramovich, Chelsea nei guai: «Carte di credito congelate». Ma si avvicina la vendita del club

Blues in ginocchio per via delle sanzioni all'oligarca russo per la guerra in Ucraina

Sanzioni ad Abramovich, Chelsea nei guai: «Carte di credito congelate». Ma si avvicina la vendita del club
Sanzioni ad Abramovich, Chelsea nei guai: «Carte di credito congelate». Ma si avvicina la vendita del club
4 Minuti di Lettura
Sabato 12 Marzo 2022, 12:18

Lo scenario di guerra fra Ucraina e Russia sta gettando nell'oblio ogni cosa, anche il futuro del Chelsea, dopo che il governo inglese ha congelato i beni di Abramovich, patron della squadra, per i suoi rapporti con Putin. Le cose si sono complicate quando un set di carte di credito Barclaycard appartenenti al club è stato sospeso. Per tutelare il futuro del Chelsea, però, Roman Abramovich ha dato il via libera alla cessione della squadra, con offerte che dovrebbero essere prese in considerazione entro la fine della prossima settimana.

LEGGI ANCHE  

Ucraina diretta. Mosca: pronte sanzioni contro l'Occidente. Bombardamenti a Kiev, raid su ospedale oncologico a Mykolaiv, colpita moschea a Mariupol

Abramovich ha incaricato la banca d'affari Raine di procedere con la vendita, nonostante sia stata colpita da sanzioni che gli tolgono di fatto il processo dalle mani. La notizia sarà un enorme sollievo per i fan del Chelsea, poiché il club stava affrontando la possibilità di uno scenario apocalittico se Abramovich avesse staccato la spina alla vendita. Il Chelsea aveva avvertito il governo che le sanzioni imposte al club minacciavano la loro capacità di completare la stagione.

Sia Raine che Chelsea hanno discusso con il governo su come procedere con la vendita e hanno concordato un processo in cui l'offerente preferito e l'uso dei fondi della vendita richiederanno l'approvazione del governo. Raine aveva fissato una scadenza per martedì prossimo per le prime offerte, ma ora è stata posticipata alla fine della prossima settimana per consentire la pausa di 24 ore nel processo e per cercare più offerenti.

Come riportato da Telegraph Sport, c'è attualmente il Chelsea è conteso tra tre gruppi a guida americana. Il consorzio di Todd Boehly ha fatto un'offerta compresa tra £ 2 miliardi e £ 2,5 miliardi, con la famiglia Ricketts e anche Woody Johnson che pensavano di aver avanzato proposte. L'uomo d'affari britannico Nick Candy ha insistito sul fatto che rimane interessato a fare un'offerta e domenica sarà alla partita del Chelsea contro il Newcastle United. Il fatto che il Chelsea sembri disposto ad aspettare fino alla fine della prossima settimana per prendere in considerazione le offerte suggerirebbe che il club ha abbastanza contanti per operare sotto sanzioni a breve termine, nonostante il fatto che un set di carte di credito appartenenti al club sia stato temporaneamente sospeso.

La banca avrebbe dovuto revocare la sospensione dopo aver valutato la licenza che il governo aveva concesso al club per continuare le attività legate al calcio. Fonti vicine al club hanno sottolineato che nessun account è stato congelato. Ma i giocatori hanno presentato al governo lo scenario del giorno del giudizio su quanto graveranno le sanzioni imposte ad Abramovich sul club se una vendita non andrà a buon fine e l'attuale licenza non verrà modificata

© RIPRODUZIONE RISERVATA