Uefa all'Ungheria: «Simboli arcobaleno consentiti allo stadio, non sono politici»

Domenica 27 Giugno 2021
Uefa all'Ungheria: «Simboli arcobaleno consentiti allo stadio, non sono politici»

La Uefa risponde all'Ungheria dopo le polemiche dei giorni scorsi sulla mancata autorizzazione dei simboli con i colori arcobaleno nella partita contro la Germania. L'Union of European Football Associations, ha infatti informato la federazione ungherese che «i simboli con i colori dell'arcobaleno non sono politici e che, in linea con la campagna Equal Game della Uefa contro ogni discriminazione, incluse quelle verso la comunità Lgbtqi, bandiere di quel tipo saranno consentite dentro lo stadio». La società ha chiarito che «al contrario di quanto riportato da media olandesi, non è stato vietato alcun simbolo coi colori arcobaleno nella fan zone di Budapest, e che la fan zone è sotto la responsabilità delle autorità locali. La Uefa al contrario accoglierebbe molto volentieri ogni simbolo di quel tipo nella fan zone».

Italia-Austria, gli azzurri non si inginocchieranno per il Black Lives Matter: la decisione del gruppo

 

Uefa, l'indagine per razzismo

Un'indagine per razzismo. Dopo quella aperta alcuni giorni fa per gli ululati dei tifosi ungheresi a Budapest contro i giocatori di colore della Francia, la Uefa ha aperto un nuovo fascicolo: questa volta sulla partita di Monaco con la Germania, alla ricerca di «potenziali incidenti discriminatori». Non è specificato da parte di chi, cosa e quando, tranne il riferimento a «quanto successo sugli spalti», ma le cronache tedesche del dopo partita riferivano di cori ungheresi contro la «Germania omosessuale», oltre che del dito medio rivolto all'inno tedesco. La partita di mercoledì era stata contrassegnata da polemiche pre e post gara, per la richiesta della municipalità di Monaco di colorare dell'arcobaleno l'Allianz Arena, in segno di protesta contro le leggi di Orban, e per il successivo no dell'Uefa.

Ora la federazione europea ha nominato un «ispettore etico e disciplinare» per condurre questa indagine, il primo passo nella procedura volta a stabilire i fatti prima di considerare eventuali sanzioni, secondo quanto spiega una nota stampa. L'indagine si riferisce a «incidenti e comportamenti sugli spalti», ha spiegato un portavoce della UEFA da Losanna. Secondo il quotidiano Bild, gli ultrà ungheresi avrebbero cantato «Germania, Germania, omosessuali» prima del fischio d'inizio. Inoltre, mercoledì sera l'account Twitter «Tifosi di calcio contro l'omofobia» (FFgH) aveva pubblica la foto di due tifosi ungheresi che sventolavano un cartello chiaramente omofobo. Prima dell'incontro la polizia era dovuta intervenire per separare diversi sostenitori di entrambe le parti che si scambiavano insulti.

 

 

Il municipio di Monaco aveva chiesto alla Uefa di illuminare l'Allianz Arena con i colori dell'arcobaleno per mostrare il proprio sostegno ai diritti LGBT, richiesta respinta perché ritenuta troppo «politica». Il rifiuto, oltre a scatenare molte critiche nel mondo politico, ha spinto diversi tifosi a recarsi allo stadio con le bandiere arcobaleno. Poco prima dell'incontro, un attivista ha invaso il campo sventolando una bandiera arcobaleno durante l'inno ungherese. Dopo aver realizzato il gol della qualificazione tedesca agli ottavi, con il pareggio all'84', Leon Goretzka si era rivolto ai tifosi ungheresi disegnando un cuore con le dita.

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA