Tifosi inglesi a Roma: «E stasera saremo allo stadio». Ignorati i divieti, carte d’imbarco non controllate

Sabato 3 Luglio 2021 di Emiliano Bernardini
I tifosi inglesi a Roma: «E saremo allo stadio». Ignorati i divieti. Carte d imbarco non controllate

Si aggirano a piccoli gruppi, massimo tre o quattro. Nessun tratto distintivo. Niente bandiere con la croce di San Giorgio né magliette della nazionale di Southgate. Quasi impossibile riconoscerli. Eppure a Roma di inglesi ce ne sono a migliaia. La febbre per il quarto di finale tra Ucraina e Inghilterra è già alta. Stasera all’Olimpico ci saranno 13 mila tifosi, duemila in meno rispetto ai 15.900 previsti, è l’effetto del blocco delle vendite e di alcune rinunce (biglietti rimborsati). E circa duemila vengono dalla Gran Bretagna. I controlli nella giornata di oggi, promettono le autorità, saranno rigidissimi sia per accedere all’Olimpico stadio (5 check point) sia per entrare nelle due Fan Zone di Piazza del popolo e dei Fori Imperiali. Ma non ci saranno i tanto sbandierati controlli sui biglietti aerei per attestare l’avvenuta quarantena.

Ucraina-Inghilterra a Roma, tifosi ammessi alla Fanzone solo con certificato quarantena

Tifosi inglesi a Roma, pasticcio ordinanza

In entrambi i casi per il via libera saranno i tifosi inglesi a dover presentare la documentazione che attesti il termine della quarantena prevista dalla normativa nazionale vigente. E questo è scritto, seppur in maniera molto articolata, nel decreto fatto ieri dalla Sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali. In particolar modo nell’articolo 3 che però rimanda ad una serie di norme e decreti dentro i quali è facile trovare le pieghe dentro cui infilarsi, soprattutto per gli stranieri. Un norma farraginosa che di fatto lascia la totale responsabilità ai singoli tifosi: nessuno chiede ma spetta a chi entra allo stadio dimostrare di essere in regola. Insomma per entrare basterà una sorta di auto documentazione, niente controlli sulle quarantene. Perché l’unica richiesta è quella di esibire il tampone negativo fatto post quarantena di cinque giorni, ma resta un enorme vulnus: senza il biglietto aereo che attesti effettivamente che si è nella Capitale dal 28 giugno come è possibile dimostrare il contrario? Una sorta di “facciamo a fidarci”. E intanto ieri gli inglesi giravano liberi per la città. Si fingono turisti perché è meglio passare inosservati ed evitare i controlli delle forze dell’ordine. Soprattutto quelli che per arrivare a Roma hanno fatto triangolazioni con Dubai o Nizza. 

BIRRA E PATRIOTTISMO

Camminano per via dei Fori Imperiali, fotografano il Colosseo, sembrano semplici turisti ma alla fine a tradirli sono la birra e il patriottismo. Pit stop di rito nei pub. «Hanno bevuto un po’ di birre» ci racconta un gestore di Campo de’ Fiori. «Almeno tre a testa» rincara il proprietario di un locale a Trastevere. Per quei pochi che hanno resistito al richiamo dell’alcol basta porre la classica domanda di rito: segna Sterling o Foden? E lì anche il più guardingo cede: «C’mon England! Hurricane score!». Tutti giurano di essere arrivati da una settimana, «one week ago» ripetono come un ritornello. Difficile credergli, impossibile non farlo. Insomma tutti in regola con l’ordinanza del Ministro Roberto Speranza del 18 giugno che impone una quarantena di 5 giorni per chi proviene dal Regno Unito.

La variante Delta fa paura, a Roma spiega l’assessore alla Sanità Regionale Alessio D’Amato: «In un mese c’è stato un incremento di 10 volte della proporzione passando dal 3,4% della survey del 18 maggio all’attuale 34,9%». Ian viene da Manchester e ci assicura che «il biglietto l’ho comprato senza sapere che l’Inghilterra sarebbe arrivata ai quarti. Andremo io e mia moglie. Abbiamo approfittato per una vacanza in Italia, siamo qui da dieci giorni». 

Jeams Teasdale gira con la maglia rossa dei Tre Leoni e con una birra per Trastevere, ad un certo punto ruba la scena improvvisando Wonderwall degli Oasis vicino piazza San Calisto. Lui “può”, vive e studia in Italia da 2 anni. Tampone fatto, anche lui sarà allo stadio: «Non appena è finita la partita contro la Germania ho iniziato a cercare un biglietto. Per fortuna mio padre, che vive a Londra, mi ha chiamato perché un amico del pub ha un amico che non è potuto venire». A proposito in centro c’è anche chi prova a vendere il prezioso tagliando, Christian gira con un cartello scritto in inglese. Su rischieta mostra il biglietto e confida di avere già alcune proposte: «Mi hanno offerto 300 euro».

Chissà se chiederà documenti attestanti la quarantena anche lui. E chi non andrà allo stadio? La preoccupazione della Prefettura è proprio quella legata all’elusione della quarantena e a pericolosi incroci con la malamovida, responsabile nelle ultime settimane di nottate di violenza indiscriminata. I controlli saranno intensificati in tutto il centro. Particolare attenzione dunque ai pub ma anche agli hotel che ieri ospitano le due nazionali, quella ucraina al Parco dei Principi, al quartiere Pinciano, e quella inglese al Roma Lifestyle, nella zona di Villa Pamphilj.

 

Ultimo aggiornamento: 18:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA