Roma, rischio Dzeko alla seconda. Lazio, l'avvio è in salita

Giovedì 3 Settembre 2020 di Emiliano Bernardini
Roma, rischio Dzeko alla seconda. Lazio, l'avvio è in salita

 La Juve punta al 10, le altre a interrompere l’egemonia bianconera. C’è chi sbuffa per l’inizio in salita, chi perché gioca tutti i big match fuori casa al ritorno, chi, invece, è contento di togliersi le grandi subito quando magari non sono al top. E c’è chi addirittura è contento. La pandemia detta ancora legge tanto che la presentazione è durata appena 8 minuti sui social. E’ il rituale del sorteggio del calendario. Impossibile mettere tutti d’accordo. Su una cosa però la vedono tutti allo stesso modo: riaprire gli stadi. La Regione Piemonte ha chiesto l’autorizzare per l’apertura dell’Allianz Stadium della Juventus. Il documento è stato trasmesso ieri per il via libera del Cts. L’obiettivo è avere i tifosi già alla prima.
TORNANO I VECCHI ORARI
Si torna ai vecchi slot orari con tre gare il sabato: 15, 18 e 20,45. Quattro la domenica: 12,30, 15, 18 e 20,45. Come sempre gli anticipi al venerdì e i posticipi del lunedì saranno decisi di volta in volta. Sei i turni infrasettimanali: mercoledì 16 dicembre, mercoledì 23 dicembre, mercoledì 6 gennaio 2021, mercoledì 3 marzo, mercoledì 21 aprile e mercoledì 12 maggio. Tre le soste nazionali: domenica 11 ottobre, domenica 15 novembre, domenica 28 marzo 2021. 
LE LEGGI DEL MERCATO 
L’avvio sarà sicuramente condizionato dal mercato. Per la prima volta le prime tre giornate si giocheranno con trattative in corso. E così è possibile che alla seconda Dzeko giochi Roma-Juve in giallorosso e alla terza sfidi il Napoli con la maglia dei bianconeri. E il club di De Laurentiis potrebbe non avere più Milik finito alla corte di Fonseca. Intrecci che condizioneranno non poco la partenza. Soprattutto perché il mercato, che quest’anno più che mai sarà fatto di scambi, si svolgerà quasi tutto nei giorni finali. 
I CAMPIONI D’ITALIA
Sarà una partenza alternata visto che il big match della prima tra Lazio e Atalanta sarà rinviato al 30 settembre per il protrarsi degli impegni europei dei bergamaschi. Stessa situazione per Benevento-Inter. «Che rabbia non giocare subito» il commento del neo-promosso Pippo Inzaghi che pregustava già un derby. Rinvia anche lo Spezia impegnato in casa dell’Udinese. Avvio con il botto per la Juventus. Pirlo sfida alla seconda la Roma e alla terza il Napoli di Gattuso e alla terza. Alla settima la Lazio. I bianconeri nell’anno solare non sfideranno le due milanesi. Hanno il vantaggio di giocare tutti gli scontri diretti in casa al ritorno. Il derby con il Torino sarà alla decima.
LE ROMANE
Partenza in salita anche per Lazio e Roma (ultima entrambe in trasferta). I biancocelesti avranno lo “svantaggio” di giocare tre gare in una settimana. Esordio alla seconda il 27 a Cagliari (possibile anticipo al 26), poi il 30 il recupero della prima con l’Atalanta e il 4 ottobre, alla 3ª, l’Inter alla 3ª. La Juventus alla 7ª in casa. Scorrendo il calendario, Milan a parte, tutti gli scontri diretti saranno in trasferta. Cosa che rende il calendario molto complicato al ritorno quando si decidono i giochi. Altro slot difficile quella alla 13ª e 14ª giornata contro Napoli e Milan, proprio per questo il tecnico Inzaghi l’ha definito un «calendario complesso». Il derby con la Roma sarà alla penultima quando il menù prevede anche Inter-Juventus (proprio nella speranza che siano tornati i tifosi negli stadi). I giallorossi del nuovo proprietario Friedkin iniziano in casa del Verona, poi alla seconda c’è subito la Juve e alla 5ª la trasferta a San Siro contro il Milan, poi la Fiorentina nel turno successivo. Alla 9ª giornata c’è il Napoli, mentre alla 13ª l’Atalanta. 
BRIVIDI IN CODA
Finale da brividi: Inter alla terzultima e poi come detto il derby. Archiviate le turbolenze in panchina Conte, ai nerazzurri è vietato sbagliare: dopo la Fiorentina, Inter all’Olimpico contro la Lazio, poi subito derby della Madonnina in casa dei nerazzurri (18 ottobre). Dodicesimo turno ad alta tensione con Inter-Napoli. E poi alla penultima sfida alla Juve. Partenza soft nelle prime 3 per il Milan che però alla 4ª e alla 5ª sfidano Inter e Roma. Il derby della Lanterna tra Sampdoria e Genoa si terrà alla sesta giornata. Sarà una stagione senza sosta con i fuochi d’artificio previsti proprio sul finale. 

Ultimo aggiornamento: 08:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA