Pagelle Roma-Juve, Dzeko sublime ma con errori, Veretout un re. Morata, serata no

Domenica 27 Settembre 2020 di Alessandro Angeloni e Alberto Mauro

Le pagelle di Roma-Juventus, seconda giornata di campionato. 
MIRANTE 6
Fa quello che deve fare, senza apprensioni, né sbavature. Si sente “padrone” del ruolo da titolare, ormai. Dà sicurezza. Esente da colpe sui gol. 
MANCINI 5
Ben protetto da Santon, tiene botta sugli inserimenti di Ramsey e Cuadrado. Male su Ronaldo, che gli scappa una volta. Ed è quella letale.
IBANEZ 5,5
Due chiusure provvidenziali in piena area nel primo tempo. Anche lui in concorso di colpa sul raddoppio di Ronaldo. Si intravede il talento, la forza fisica. Perde qualcosa nella concentrazione. 
KUMBULLA 6
Non rischia, fa il suo. Concentrato e pulito. Senza avvertire pressioni. 
SANTON 6,5
Non agile - come Spinazzola - nelle percussioni offensive. Dignitoso sul resto, gioca concentrato, senza concedersi troppe distrazioni. Sfinito, esce.
PELLEGRINI 6,5
Prestazione più che sufficiente, a suo agio in regia, anche in fase difensiva, porta bene il pressing. Il fallo di mano in area è ingenuo, maldestro. 
VERETOUT 8
Seconda doppietta con la maglia della Roma. Un colosso, sempre al centro del gioco: forza, personalità. Il migliore.
SPINAZZOLA 7
Si fa inseguire da Danilo e questo porta spesso la Roma ad essere pericolosa da quella parte. Bene, come a Verona. Forse di più.
MKHITARYAN 6,5
Si beve la difesa della Juve, poi si mangia il gol. Lucido l’assist per Veretout. Sempre raffinato, sempre un pericolo per gli altri.
PEDRO 6
Hai sempre la sensazione che possa inventare qualcosa: un dribbling, un tiro. Pericoloso, non ancora continuo. A sprazzi.
DZEKO 6,5
Fa ripartite l’azione del secondo gol della Roma, come un regista “basso”, quasi dalla sua area. Per il resto, balla sul pallone, sgomita (nel vero senso della parola, vedi Chiellini), prende falli, combatte in solitaria. Esulta, per ora, ai gol dei compagni. Lui se ne mangia un paio grandi così. Ne bastava uno. 
BRUNO PERES 5
Fa in tempo a guardare lo stacco di testa del 2-2 di Ronaldo. Non bene. 
DIAWARA NG
Si adagia in mezzo, tra recupero palloni e rincorse. 
FONSECA 6,5
La squadra esprime un calcio di qualità per un’ora, mostrando una evidente crescita. Santon-Peres, cambio infelice. Perché solo due sostituzioni su cinque? 
DI BELLO 6
Non sbaglia le valutazioni sui casi clou, rigori (entrambi ci sono) ed espulsione (Rabiot, giusta)

Roma-Juventus 2-2: il videocommento di Ugo Trani

Ronaldo: «Un buon pari. Pirlo? Con lui si sorride»

Roma-Juventus: le foto della partita

SZCZESNY 6,5
Iintuisce il rigore di Veretout, alza un bolide di Pedro sulla traversa
DANILO 5,5
Perde il duello con Spinazzola, ma pesca l’assist per il 2-2 di Ronaldo
BONUCCI 4,5
Fuori posizione sul raddoppio della Roma e non solo, naufraga insieme alla difesa
CHIELLINI 5
Rischia su Dzeko, serataccia ma non si arrende
KULUSEVSKI 5,5
Non è un esterno puro e si vede, fa quello che può. Meglio quando avanza
RABIOT 3
Serata da incubo. Braccio largo sul tiro di Veretout per il rigore dell’1-0. Nella ripresa si fa espellere ingenuamente, con il secondo giallo su Mkhitaryan
MCKENNIE 4
In affanno fino alla sostituzione, non entra in partita, non trova la posizione.
RAMSEY 5
Perde con leggerezza il pallone che porta all’1-0 della Roma.
CUADRADO 5
A sinistra non non ha passo e ritmo, insegue invano Mkhitaryan sul secondo gol della Roma e nella ripresa si sdraia davanti a Dzeko, che colpisce il palo
MORATA 5
Poca sintonia con Ronaldo, deve riabituarsi a una nuova Juve.
RONALDO 7,5
Salta Mancini e va a prendersi il rigore dell’1-1 trasformandolo senza problemi. Nella ripresa acciuffa il pareggio con il suo gol numero 450 nei 5 principali campionati europei
DOUGLAS COSTA 5
Non si vede
ARTHUR 6
Prova a rimettere ordine
BENTANCUR NG
FRABOTTA 5
Prende un giallo dopo 2 minuti
PIRLO 5
Osa troppo e stravolge anche le certezze viste contro la Samp

Ultimo aggiornamento: 23:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA