Roma-Fiorentina, le pagelle: Kolarov leader, Zaniolo porta fantasia

Domenica 26 Luglio 2020 di Alessandro Angeloni
Roma-Fiorentina, le pagelle: Kolarov leader, Zaniolo porta fantasia

Le pagelle di Roma e Fiorentina

ROMA

PAU LOPEZ 6
Trascorre il primo tempo a guardare, viene spaventato solo dal rumore sordo del palo colpito da Pezzella. Poi resta piantato a terra sul colpo di testa di Milenkovic, ma non poteva fare granché. 

MANCINI 5
Chiude bene in avvio su Ribery, soffre di più Cutrone nella ripresa. Si addormenta un po’ sul gol del pari viola, facendosi sovrastare dal difensore della Fiorentina. Dalla sua parte succede sempre qualcosa. Impreciso anche nell’impostazione del gioco. 

SMALLING 6
Prestazione più tonica rispetto a Ferrara. Cresce. Nel finale rischia il grande errore. 

KOLAROV 6,5
Qualche bell’anticipo, un paio di lancioni poco compresi. Leader. Stavolta sul colpo di testa del pari, lui non c’entra nulla. Colpisce anche un palo con un gran tiro in corsa. Sempre più padrone del ruolo.

BRUNO PERES  6
Fa a corse con Lirola, che spesso gli prende il tempo. Ha il “merito” di procurarsi il calcio di rigore dell’1-0: l’unico caso in cui lui, brucia il suo avversario diretto. Migliora nel finale, con Lirora andato nel pallone.

DIAWARA 5,5
Sbaglia qualche appoggio. Protagonista di un’azione personale da applausi. Poi, scompare. Affaticato.

VERETOUT 7
Freddo dal dischetto, due volte. Caldo nel rincorrere chiunque. Il migliore. 
 

 

SPINAZZOLA 6,5
E’ in forma e Fonseca lo sfrutta con continuità. Dai suoi piedi passano le migliori azioni della Roma, sia nel primo sia nel secondo tempo. Continuo. 

PELLEGRINI 6
Con un tiro spaventa Terracciano. Azzarda poche giocate di fino, si limita all’ordinario. E fa bene. Poi Milenkovic lo abbatte ed è costretto a uscire, sanguinante. Sfortunato.

MKHITARYAN 6
Tanta qualità distribuita in giro - all’inizio - col contagocce. Per poco non sfiora un grande gol, con un tocco sotto, dopo un bell’assist di Spinazzola. Domina una buona parte della ripresa, tra invenzioni per i compagni e tiri (palo) in porta. Acceso all’improvviso. Riscompare all’improvisso. Vive di lampi. 

DZEKO 6
Padrone degli ultimi venti metri di campo, quelli verso Terracciano: prende botte, fa le sponde, assist, fa ammonire gli avversari. Gestisce il gioco, ma gli capitano poche occasioni vere da gol. 

ZANIOLO 6
Si dà da fare, provando a portare fantasia e potenza. 

CRISTANTE 6
Contiene e riparte. 

PEREZ NG
Rischia di segnare un gran gol. 

FONSECA 6
Forse un po’ stanca, ma il passo indietro dal punto di vista del gioco è evidente. Conta il risultato, con cui la Roma consolida il quinto posto. 

----------------------------------------------------------------------------------------------------------

FIORENTINA

TERRACCIANO 5,5
Trafitto solo dal dischetto, un paio di parate e un’ingenuità su Dzeko, che compromette il risultato.

MILENKOVIC 6,5
Il migliore della difesa, anche goleador. 

PEZZELLA 6
Canta e porta la croce. Dzeko non è un cliente comodo da ospitare, ti porta in giro per il campo e spesso ti fa fare brutte figure.

CACERES 6
Il gol (rigore) arriva da un incursione di Peres dal suo lato. Concorso di colpa tra lui e Lirola. Si rifà col passare dei minuti.

CHIESA 5,5
Ma perché fa il terzino?

GHEZZAL 6
Faticatore, con buona qualità.

DUNCAN 5,5
Diawara a volte lo infastidisce.

PULGAR 6,5
Non benissimo nel faccia a faccia con Veretout. Si fa notare su qualche calcio piazzato. Solita sostanza e carattere. Una garanzia.

LIROLA 5
Sta attento, e ci riesce, a Peres. Gli sfugge solo in un’occasione. Distratto e poi, condizionato.

KOUAME 6
Spesso ingoiato nella morsa del trio difensivo giallorosso. Ma se la cava. 

RIBERY 5,5
Qualche giochino di prestigio. Bello ma non balla.

VENUTI N.G. 

CUTRONE 5
Si batte, ma conclude poco.

VLAHOVIC 5,5
Ha classe il ragazzo, gli manca (ancora) il graffio, quella che ti toglie dall’anonimato. 

IACHINI 6
Squadra umile e onesta. Non di più.

CHIFFI 5
Proteste giustificate sul secondo rigore per la Roma. Il fallo di Terracciano su Dzeko può essere catalogato come generoso, anche se il regolamento gli dà ragione, ma c’è il tocco dell’arbitro che non convince. Ma sbaglia anche altro, al di là dell’episodio.

Ultimo aggiornamento: 23:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA